Al Gran galà dello Ior raccolti 15mila euro per lo studio sull'immunoterapia

La somma verrà interamente destinata allo studio riguardante l’immunoterapia cellulare avanzata portato avanti presso l’Irst Irccs di Meldola

Venerdì 9 novembre nelle Sale del Palazzo della Prefettura si è tenuta l’edizione 2018 del Gran Gala Ior di Ravenna: un evento organizzato dall’Istituto Oncologico Romagnolo che nasce per aggregare Istituzioni, mondo del volontariato, medici, ricercatori e Aziende partner che da anni sostengono le attività della onlus. L’appuntamento ha avuto un notevole richiamo: hanno partecipato circa un centinaio di persone, dato che dimostra quanta considerazione in questi anni l’organizzazione abbia guadagnato per merito della sua attività di lotta contro il cancro e assistenza pazienti. Grazie ai contributi spontanei e alla generosità dei presenti, l’Istituto Oncologico Romagnolo ha incassato circa 15.000 euro, che verranno interamente destinati allo studio riguardante l’immunoterapia cellulare avanzata portato avanti presso l’Irst Irccs di Meldola dall’equipe di Massimo Guidoboni.

Presente all’evento il Responsabile della Unità operativa di Immunoterapia dell’Istituto Tumori della Romagna, che ha spiegato quanto questa innovativa opzione terapeutica stia oramai diventando una realtà, rappresentando una speranza per tanti pazienti. "Uno studio scientifico recente ha stabilito come ogni giorno, nel corpo di ciascuno di noi, si formano circa cento cellule potenzialmente in grado di dar luogo a una neoplasia: ma il nostro sistema immunitario risulta solitamente molto efficiente nel riconoscerle e ucciderle prima che possano svilupparsi. Tuttavia, di tanto in tanto, qualcosa può eluderne la sorveglianza, a causa delle controffensive che la malattia mette in atto. Sotto la definizione di immunoterapia ricadono quindi una serie di modalità terapeutiche che vanno a colpire meccanismi diversi adottato dal cancro, a seconda dei farmaci utilizzati; ciò che hanno in comune è la caratteristica di voler utilizzare il sistema immunitario per sconfiggere e uccidere le cellule tumorali".

A sancire l’importanza dello studio la presenza di Giovanni Martinelli, Direttore Scientifico Irst Irccs, e di Giorgio Martelli, Direttore Generale dello stesso Istituto, che ha mostrato a una platea composta anche dal Sindaco di Ravenna, Michele De Pascale, e dai principali rappresentanti del tessuto sociale ed imprenditoriale della città, i dati che attestano come il lavoro svolto in questi anni presso Meldola abbia portato la struttura a livelli d’assoluta eccellenza riconosciuti in Italia ed all’estero. Mario Pretolani, Consigliere Ior della Sede di Ravenna e Presidente dell’Associazione Volontari e Amici dell’Istituto Oncologico Romagnolo, si è detto molto soddisfatto riguardo l’esito dell’evento. "Ci tengo a ringraziare personalmente tutti coloro che hanno contribuito alla buona riuscita della serata, in primis il Prefetto di Ravenna, che ci ha così cordialmente ospitati presso la sua ‘dimora’. Il ricavato del nostro Gala darà un contributo importante ad un promettente studio riguardante le nuove frontiere dell’oncologia, nella speranza di togliere futuro ai tumori e regalarne sempre più ai pazienti che soffrono".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico frontale sull'Adriatica, un morto e due feriti gravi

  • Dramma sui binari: perde la vita travolta da un treno

  • Sangue sulle strade: travolto da un'auto muore sul colpo, grave l'automobilista

  • Attimi di terrore nella notte: accoltellato e lasciato esanime in strada

  • Sbanda e finisce in un fosso: 32enne in ospedale, è gravissima

  • Strage familiare a Foggia, il terzo figlio lavora a Ravenna: "Erano sereni"

Torna su
RavennaToday è in caricamento