menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Al via un corso di formazione dedicato all'affidamento familiare

L’affidamento familiare, regolamentato da una legge nazionale del 1983, è un intervento temporaneo di aiuto e sostegno a un minore e alla sua famiglia che si trova a vivere una situazione di difficoltà

È in partenza giovedì 17 gennaio un corso di formazione per famiglie interessate all'affido e all'accoglienza familiare. Il corso, che si articola su cinque incontri, è frutto di un percorso di coprogettazione di associazioni di volontariato e promozione sociale del territorio ed è promosso dall’associazione “Famiglie per l'accoglienza”, in collaborazione con il Servizio sociale area minori dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna, Equipe Affido e il Centro per le famiglie, promuove un corso che si articola in cinque incontri sull’affidamento familiare dal titolo “Crescere nell'accoglienza".

L’affidamento familiare, regolamentato da una legge nazionale del 1983, è un intervento temporaneo di aiuto e sostegno a un minore e alla sua famiglia che si trova a vivere una situazione di difficoltà. L’affido può essere a tempo pieno, quando il bambino trascorre un periodo della sua vita presso la famiglia affidataria, pur rimanendo in rapporto diretto con la propria famiglia, oppure a tempo parziale quando il bambino frequenta la famiglia affidataria solo durante il giorno o una parte della giornata o per alcuni momenti nel corso della settimana. Possono diventare affidatari sia coppie (con o senza figli) che persone singole.

“Anche nel territorio della Bassa Romagna alcuni bambini hanno bisogno di essere accolti da famiglie disponibili ad accompagnarli e sostenerli per un certo periodo della loro vita - ha ricordato la sindaca Eleonora Proni, referente per le Politiche sociosanitarie dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna - dare disponibilità per l’affidamento familiare è una scelta per aiutare un’altra famiglia a crescere il proprio bambino”.

Nei cinque incontri, che si terranno tutti alle 20.30 al Centro per le famiglie dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna (Lugo, viale Europa 128), saranno affrontate le tematiche inerenti all'istituto dell'affido familiare attraverso momenti formativi condotti da relatori che uniscono una competenza tecnica e specialistica a una conoscenza diretta di esperienze familiari di affido e accoglienza in genere. Saranno affiancati nella conduzione degli incontri professionisti sociali e sanitari come lo psicologo, l'assistente sociale, l'educatore professionale, a famiglie che hanno maturato competenze e capacità attraverso esperienze dirette di affido.

“Non c’è una persona o una famiglia ‘specializzata’ in accoglienza, ma ciascuno di noi può accogliere un bambino o un ragazzo da amare per quello che è - spiegano i referenti dall’associazione Famiglie per l'accoglienza -. Alcuni, sperimentata la positività del gesto di accoglienze temporanee e semplici, anche di un solo giorno, si sono rese disponibili ad accoglienze più prolungate e, talvolta problematiche. La ricchezza di vita sperimentata ci spinge a proporre anche ad altri un gesto che non solo risponde al bisogno di molti, ma spalanca l’orizzonte della famiglia o del singolo e permette grandi passi di bene”.

Questo il calendario degli incontri: giovedì 17 gennaio introduzione dei lavori; martedì 29 gennaio “Il bambino al centro di una esperienza educativa” con la neuropsichiatra infantile Adele Tellarini; giovedì 7 febbraio il percorso di affido e il ruolo dei servizi e l'importanza di un luogo, le reti famigliari, con lo psicologo Giuseppe Angelone e l’assistente sociale Laura Turrini; martedì 19 febbraio focus sul valore della famiglia di origine, la famiglia affidataria, la solidarietà tra famiglie; martedì 5 marzo cena di fine corso con dialogo guidato. A tutti gli incontri saranno portate anche le testimonianze di famiglie che hanno già avuto esperienza con l’affidamento. Il corso è gratuito e aperto a tutti e si colloca nel progetto “Un posto per ciascuno”, finanziato dal Ministero del Lavoro e Politiche sociali con il contributo della Regione Emilia-Romagna. È valido come evento formativo ai fini di iniziare il percorso di affido con i servizi sociali. Per ulteriori informazioni e iscrizione (obbligatoria), contattare uno dei seguenti numeri: 3283012340 (Cristina), 3384478331 (Elena), 3335740055 (Monica).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento