menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alberi da abbattere per costruire l'impianto sportivo: i cittadini lanciano una petizione

Sta facendo molto discutere, a Lugo, la petizione organizzata da un gruppo di cittadini che si oppone al progetto di realizzazione di un impianto sportivo a ridosso del Parco del Loto, lungo il Canale dei Mulini

Sta facendo molto discutere, a Lugo, la petizione organizzata da un gruppo di privati cittadini che si oppone al progetto di realizzazione di un impianto sportivo in un’area a ridosso del Parco del Loto, lungo il Canale dei Mulini. Il progetto prevede la costruzione di due campi di calcetto in sintetico illuminati, uno dei quali verrebbe in un secondo momento coperto da un pallone pressostatico che necessita di un impianto di ventilazione continuamente attivo.

"Pensiamo che un progetto del genere non abbia la sua collocazione ideale in una zona che costituisce l’unico vero polmone verde di Lugo e che dovrebbe essere particolarmente protetta - dice Federica Raffoni, tra i promotori della petizione - Infatti, per poterlo realizzare, andrebbero a snaturare completamente l’area, abbattendo la maggior parte degli alberi presenti, definiti dalla stessa relazione del progetto "in asse e in buona salute", alberi che neppure il fortissimo temporale di fine giugno è riuscito a scalfire. I lavori di scavo dei due campi in sintetico danneggerebbero le radici e le piante ne soffrirebbero. Si tratta di alberi alti dai 16 ai 20 metri e di oltre trent’anni, visibili lungo il percorso del Canale dei Mulini, ma anche adiacenti all’area di gioco dei bambini dell’asilo Corelli. Parlando con tanti cittadini per la raccolta firme, abbiamo scoperto che la maggior parte di loro non era al corrente dell’imminente realizzazione di un progetto così invasivo, e molti si sono preoccupati delle conseguenze che si avrebbero a livello ambientale e sulla viabilità, oltreché per le diverse decine di migliaia di euro di soldi pubblici coinvolti. Nel frattempo, il taglio degli alberi è stato sospeso in quanto il Regolamento del Verde lo vieta nel periodo della nidificazione, ma quello che i firmatari della petizione vogliono ottenere è lo spostamento del progetto a luogo più adatto. Ci è piaciuto molto scoprire come questa battaglia sia trasversale e coinvolga cittadini di ogni convinzione politica che hanno a cuore l’ambiente. Ci sono zone di Lugo dove questo progetto sarebbe perfettamente collocato, ma la prossimità di un’area di riequilibrio ecologico non è una di esse”.

La raccolta firme per la petizione prosegue su Facebook e presso l'Erboristeria Solo Natura di Silvia Tabanelli, Corso Mazzini 6; la Vineria Rossini, Piazza Mazzini 77; l'Agenzia Zaganelli, Via Baracca 66; l'Oreficeria Antolini, Via Baracca 90; lo Studio 48, Via Roberto Ruffilli 3; l'Osteria Raggio di Sole, Largo Alcide De Gasperi 11/A a Bagnacavallo. Anche Legambiente si è schierata contro l'abbattimento degli alberi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sotterrata nel giardino della scuola una "capsula del tempo": verrà aperta nel 2070

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento