Dagli scarti di lavorazione un albero di Natale speciale contro lo spreco

Alessandro Rosetti è un artigiano poliedrico ravennate, cresciuto nei cantieri edili del territorio; ha accumulato una vasta esperienza nella ristrutturazione e nella gestione dei materiali ed è in grado di plasmarli in forme e oggetti nuovi, reinventandoli

E’ stato inaugurato lunedì in piazza Marconi a Bagnara un albero di Natale “speciale”, interamente costruito con materiali di recupero. L’inedita iniziativa, chiamata “Recuperiamo il Natale”, è nata la prima settimana di dicembre dall’idea di Alessandro Rosetti, Giada Gambi e altri cittadini bagnaresi, incentivati dalla volontà di contribuire a sensibilizzare i propri compaesani su temi sociali e ambientali.

“Quest'anno, stimolati da diverse situazioni contingenti, abbiamo colto l'opportunità di rivisitare una delle tradizioni più classiche delle festività, l'abete classico addobbato, portando un messaggio speciale - spiega il Sindaco Riccardo Francone -. L’albero bagnarese è infatti realizzato interamente con materiali di scarto quali legno, vecchi cavi elettrici, fil di ferro e plastica”.

Il progetto - prosegue Alessandro Rosetti - intende manifestare il disagio che questa crisi economica sta portando nel cuore di tutti e il bisogno di ridimensionare il nostro stile di vita, ritornando a una sapienza artigianale e a una dimensione più umana e sostenibile. Nonostante il Natale venga caricato di molti significati e usanze consumistiche, ha un significato principalmente religioso e ci ricorda l’importanza di rispettare il prossimo, i nostri luoghi, la nostra casa e i nostri cari. Realizzare questa struttura all’interno della piazza di Bagnara è una occasione per ricordare anche quanto la cultura agricola porta e ha portato valore al nostro territorio, cultura che va valorizzata e tesorizzata per le generazioni future”.

Alessandro è un artigiano poliedrico ravennate, cresciuto nei cantieri edili del territorio; ha accumulato una vasta esperienza nella ristrutturazione e nella gestione dei materiali ed è in grado di plasmarli in forme e oggetti nuovi, reinventandoli. Giada è una giovane ingegnere edile, cresciuta anche lei in cantiere grazie al babbo e alla sorella; si occupa di progetti di riqualificazione edilizia e territoriale, ponendo grande attenzione agli aspetti legati alla sostenibilità ambientale ed economica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutti i materiali sono stati rielaborati con cura in modo da creare una struttura che non presenti problemi di sicurezza e di montaggio quali tiranti, plinti e oggetti contundenti. L’illuminazione, a led, è rigorosamente a basso consumo, ed è stata offerta Daniele Graziani di Essat. Gli addobbi sono stati invece realizzate dalle dade, dai bimbi e dalle mamme della scuola materna San Giuseppe.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Michelle Hunziker si rilassa in Romagna nelle acque dell'Adriatico: "Sembra tornato quello di 30 anni fa"

  • Si lancia da un'auto in corsa sull'Adriatica: gravissima una donna

  • Il bagno con gli amici si trasforma in tragedia: perde la vita un 28enne

  • A Marina Romea con l'auto sulla spiaggia: scende, raggiunge gli scogli e cade

  • MotoGp, lutto per il team manager Ducati Davide Tardozzi: si è spenta la moglie Sandra

  • I suoi figli salvano una bimba dall'annegamento: "Mio padre morì in mare, sembra un segno del destino"

Torna su
RavennaToday è in caricamento