Morì a dodici anni: Cervia ricorda con una targa Alessandro Giorgi

"Abbiamo ritenuto di accogliere questa proposta - ha dichiarato il sindaco Luca Coffari - che coinvolge gran parte della località di Pinarella, nel rispetto della volontà e sensibilità collettiva

Giovedì mattina è stato ricordato Alessandro Giorgi  giovane cervese vittima della strada, con lo scoprimento di una targa in sua memoria nell’area verde fra viale Titano e viale Emilia. Erano presenti il sindaco Luca Coffari, i rappresentanti dell’Associazione Antichi Sapori di Romagna “Sagra della Seppia”, i famigliari e gli amici di Alessandro, e numerosi cittadini di Pinarella. Anche gli alunni della classe 5 della scuola elementare Deledda hanno partecipato alla cerimonia.

La richiesta di ricordare Alessandro prese avvio dalla comunità di Pinarella che nel 2014 raccolse 725 firme, presentandole al Sindaco di Cervia e fu valutata positivamente dall’amministrazione comunale. Alessandro Giorgi, nato il 14 maggio 1976, frequentava la scuola Media Gervasi e giocava a calcio nel Pinarella, perse la vita a dodici anni il 24 giugno 1988 in un incidente, proprio nell’incrocio e nell’area in cui verrà deposta la targa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbiamo ritenuto di accogliere questa proposta - ha dichiarato il sindaco Luca Coffari - che coinvolge gran parte della località di Pinarella, nel rispetto della volontà e sensibilità collettiva. Siamo convinti che dedicare questo luogo ad Alessandro, sia un gesto non solo doveroso per commemorarne il ricordo, ma un modo per richiamare in ognuno di noi il senso profondo di appartenenza ad una comunità, e per rafforzare quei valori di solidarietà e di unione sociale che sono la nostra vera ricchezza. La nostra crescita umana, personale e collettiva, avviene anche nel rispetto delle donne e degli uomini che hanno vissuto e segnato con la loro presenza i luoghi e i cuori di chi li ha conosciuti e di chi gli ha voluto bene".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tuffa nella piscina dell'hotel, poco dopo lo ritrovano morto in acqua

  • Imbocca la Classicana contromano: schianto tra due auto e un camion

  • Sassi dal cavalcavia, colpita un'auto con una famiglia a bordo: "Un grande spavento per i bimbi"

  • Trovato senza sensi in acqua, morto un anziano turista in spiaggia

  • Si schianta contro il guard rail in autostrada: automobilista in gravi condizioni

  • Colpita dal muletto in retromarcia: infortunio mortale in azienda

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento