menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

All'insegna del riciclo: inaugurato il Presepe di Pieve Cesato

Il presepe, che è stato inaugurato nella notte di Natale da monsignor Vittorio Santandrea, sarà visitabile fino al 20 gennaio nella Parrocchia di Pieve Cesato.

Il gruppo di presepisti di Pieve Cesato, coordinato e trascinato dalla vena artistica di Tomasino Peroni, ha voluto anche quest’anno proseguire nella scelta di realizzare un presepe “insolito”, quasi “unico”, come è accaduto negli anni passati. Come non ricordare l’incredibile presepe in segatura pressata con statue ad altezza naturale o quello realizzato in cera d’api o quello di cartapesta? Rimanendo nel solco dei Presepi costruiti con materiali di scarto (la segatura è lo scarto del legno tagliato, la cera è la parte scartata dalla smielatura) ecco inserirsi prepotentemente questo presepe realizzato con un materiale raccolto differenziando i rifiuti quotidiani. Idea alquanto originale (e forse anche provocatoria) quella di utilizzare la raccolta di bottiglie di plastica, dividerle per colore, assemblarle per dar vita a statue a grandezza naturale e creare un presepe. Diversi i messaggi del Presepe di Pieve Cesato dove ogni cosa può servire per la scena della nascita di Betlemme, dove il riciclo e la ricollocazione “artistica” di questi scarti della nostra civiltà consumistica danno nuova vita ad ogni materiale, ma anche e soprattutto un messaggio che questa Sacra rappresentazione vuol lasciare è un messaggio ecologico: ripulire il mondo dai rifiuti; rifiuti che potrebbero ben presto e irreversibilmente far morire il creato, e riportare la Luce in ogni uomo. Il Presepe, che è stato inaugurato nella notte di Natale da monsignor Vittorio Santandrea, sarà visitabile fino al 20 gennaio nella Parrocchia di Pieve Cesato.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento