menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Allagamenti dal canale Candiano: "Marina soffre e Porto Corsini è ancora peggio"

L'acqua del mare è strabordata a Marina di Ravenna, dalla diga sud Zaccagnini e dal bacino pescherecci, raggiungendo anche l’abitato

Le alte maree eccezionali che in questo periodo dell’anno si verificano sulla costa Adriatica in concomitanza coi venti forti di scirocco provenienti da sud pongono a rischio i centri urbani mal protetti dagli allagamenti. E così anche quest’anno l’acqua del mare è strabordata a Marina di Ravenna, dalla diga sud Zaccagnini e dal bacino pescherecci, raggiungendo anche l’abitato.

"Il paese chiama in causa l’Autorità portuale perché, almeno in questi punti nevralgici, fortifichi finalmente le opere di difesa, temendo soprattutto che accada di peggio - spiega il capogruppo di Lista per Ravenna Alvaro Ancisi - Su questo primo punto chiediamo al sindaco se intende chiedere spiegazioni all’ente portuale, sollecitando con autorevolezza rimedi appropriati. Dall’altra parte del canale portuale, Porto Corsini sta però peggio. L’anno scorso, alla vigilia di Natale, il Comitato cittadino dei Lidi Nord si sollevò contro l’ennesimo frequente allagamento di via Molo San Filippo dalla parte della vecchia e abbandonata darsenetta del traghetto sul canale Candiano, accusando l’Autorità portuale di aver promesso da due anni e non mantenuto l’auspicato intervento di riqualificazione e messa in sicurezza della zona. Ma quello che più preoccupa i residenti di sinistra canale è la totale esposizione del paese alla possibile scorreria del canale dal lato di via Molo San Filippo che affianca la parte ovest dell’abitato. Un gruppo di cittadini ha trasmesso a Lista per Ravenna il seguente grido di dolore: “Ben 10 anni fa, iniziarono i lavori di rifacimento della banchina canale. Dopo tutto questo tempo, il lavoro è incompiuto per oltre la metà, mettendo in serio pericolo l'abitato dalle pericolose alte maree (vedi foto allegata). Sull'altra sponda di Marina di Ravenna, il lavoro è stato iniziato e ultimato nella stessa fase. Ci domandiamo perché i lavori mancanti non iniziano, visto che l'opera è stata già finanziata. Noi di Porto Corsini siamo una piccola comunità, ma non per questo ci debbono considerare cittadini di serie B. Grazie di ascoltarci”".

"Piccola comunità non tanto, perché vi risiedono in 1.500 raddoppiando in estate, abbiamo cercato di risalire ai fatti, scoprendo che il primo lotto del “Rifacimento protezione di sponda dall’attracco del traghetto alla confluenza con il canale Baiona a Porto Corsini” è stato realizzato, per 5,625 milioni di euro, tra l’autunno dei 2011 e la primavera 2012 - conclude Ancisi - Dalla Gazzetta ufficiale del 19 febbraio 2018, abbiamo poi appreso che l’Autorità portuale aveva allora deciso, in sostanza, di indirizzare 7,5 milioni di propri finanziamenti statali al completamento del suddetto “Rifacimento protezione di sponda a Porto Corsini”. Ne deriva la seconda domanda che poniamo al sindaco di Ravenna: come intende operare, ai livelli politico e istituzionale, per non dover condividere con l’Autorità portuale della città un malaugurato allagamento di Porto Corsini per l’incompiuta banchina di sua protezione dalle acque del canale Candiano, attesa da dieci anni?”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento