I pini della materna 'Garibaldi' infestati dalla pericolosa "processionaria"

Il capogruppo in consiglio comunale di Lista per Ravenna, Alvaro Ancisi, ha segnalato che nella scuola materna Garibaldi, in viale Santi Baldini, a Ravenna, "sono presenti due pini infestati dalla Processionaria, che generano una situazione di pericolo"

E' un bruco all'apparenza innocuo, ma il contatto con il suo pelo è estremamente fastidioso e irritante per l'essere umano, mentre i danni per gli animali che, come i cani, nell'erba, finiscono accidentalmente per morderlo, sono ancora peggiori e richiedono un intervento immediato del veterinario. Stiamo parlando della “processionaria”, un bruco chiamato così perché la sua abitudine è muoversi in gruppo, uno dietro l'altro come in una processione. Il periodo più pericoloso è proprio questo, a marzo, quando si completa la trasformazione da uovo a bruco e gli insetti infestano prati e marciapiedi.

Il capogruppo in consiglio comunale di Lista per Ravenna, Alvaro Ancisi, ha segnalato che nella scuola materna Garibaldi, in viale Santi Baldini, a Ravenna, "sono presenti due pini infestati dalla Processionaria, che generano una situazione di pericolo". Illustra l'esponente della lista civica: "Allo stato larvale, infatti, i peli,  a seguito di un contatto o sotto l'azione del vento, si separano dal dorso e si attaccano facilmente, attraverso un minuscolo gancio terminale, alla pelle e alle mucose dell’uomo o di altri animali (specialmente cani), provocando una reazione urticante, anche allergica, dovuta al rilascio di istamina. Nei casi gravi può verificarsi uno shock anafilattico, con rischio mortale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continua Ancisi: "Una ventina di giorni fa, un genitore ha segnalato il fatto alle maestre, che a loro volta ne hanno informato il Comune, il quale si è però limitato a recintare il pino che sporge dal parco della scuola sui giardini pubblici. Per l’altro, che si trova all'interno del giardino di pertinenza della scuola, non è stato effettuato alcun intervento, forse a causa della rete di recinzione del giardino della scuola che ostacola  l’accesso dei mezzi. A breve le larve usciranno dai nidi, che si trovano sulla chioma, e scenderanno sull'erba a pochi metri dalla scuola. A detta del servizio fitopatologico della Regione, il problema si dovrebbe risolvere rimuovendo entro pochi giorni i nidi. In caso contrario, dopo che le rughe saranno scese a terra, il pericolo di contagio diventerebbe estremamente attuale. Si chiede pertanto se e come l’amministrazione comunale intende affrontare risolutivamente, nei tempi brevissimi imposti, l’emergenza".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

  • Coronavirus, due positivi a scuola: quarantena per alunni e docenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento