menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Meteo, marzo comincia "pazzerello": le ultime piogge gonfiano i fiumi, e si rivedrà la neve

La Protezione Civile specifica, in particolare, che mercoledì "sono previste deboli precipitazioni convettive sul settore orientale, che potranno essere a carattere nevoso sopra i 1000 m di quota e, localmente, a quote collinari"

Inizio di marzo dinamico dal punto di vista atmosferico dopo un febbraio prevalentemente mite e dai sapori primaverili. Dopo le abbondanti precipitazioni che hanno interessato l'entroterra, con conseguente innalzamento del livello dei fiumi, la Romagna risentirà di un flusso di correnti instabili dai quadranti nord-occidentali, che porteranno altre precipitazioni sparse, nevose sui rilievi. La Protezione Civile specifica, in particolare, che mercoledì "sono previste deboli precipitazioni convettive sul settore orientale, che potranno essere a carattere nevoso sopra i 1000 m di quota e, localmente, a quote collinari".

"La fascia costiera e il mare - prosegue l'avviso - saranno anche interessati da una moderata ventilazione nord-orientale, con intensità media
attorno a 45 km/h (25 nodi) e con raffiche che potranno superare i 60 km/h (33 nodi). Il mare sarà molto mosso, ma con altezza dell'onda inferiore a 2 metri. I fenomeni, tutti al di sotto delle soglie di allertamento, saranno in esaurimento a partire dalle prime ore pomeridiane di mercoledì.

Un'altra ondata di maltempo è attesa nella nottata tra giovedì e venerdì. E non finisce qui. Spiega il servizio meteorologico dell'Arpae: "Il transito di un'ampia saccatura sul bacino del Mediterraneo determinerà l'approfondimento di un minimo depressionario sottovento alle Alpi venerdì e fino alla serata di sabato, che causerà correnti umide ed instabili associate a nuvolosità diffusa e precipitazioni sulla nostra regione, più intense sulle aree appenniniche, dove risulteranno nevose a quote di montagna.

Andrà meglio nel weekend. "Da domenica è attesa una generale riduzione della nuvolosità per temporanea estensione di un promontorio anticiclonico da ovest, in probabile attenuazione già dalla giornata di lunedì per l'arrivo di una nuova saccatura - illustra l'Arpae -. Le temperature non subiranno variazioni significative rispetto ai giorni precedenti, oscillando su valori non troppo distanti da quelli previsti dalla norma climatologica".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento