rotate-mobile
Cronaca Bagnara di Romagna

Alluvione un anno dopo - "Mi sono affacciata al balcone e ho visto la strada e il giardino colmi d'acqua"

"Ricorderò per sempre il suono delle campane incessante alle 6.30 della mattina dopo: ho capito che era un avvertimento per qualcosa che stava accadendo"

Abito a Bagnara di Romagna e la sera del 16 maggio ero chiusa in casa, visto la pioggia incessante già da tutto il giorno. Verso le 21 passa l'auto dei volontari a dare l'annuncio di avvertimento, visto il mal tempo, di salire ai piani superiori e di mettere in sicurezza più cose possibili. Io incredula, abitando lontana dal Santerno, gli do un'importanza mediocre, ma penso alla tartaruga di terra che ho nel giardino e vado a prenderla in casa mettendola nella vasca da bagno, il gatto è al sicuro e cerco di barricare le porte e la portafinestra del pianoterra con stracci e sacchi e vado a letto pensierosa.

Ricorderò per sempre il suono delle campane incessante alle 6.30 della mattina dopo: ho capito che era un avvertimento per qualcosa che stava accadendo. Sento il gorgogliare del lavandino del bagno e mi affaccio al balcone, la strada e il mio giardino colmi d'acqua... E da lì l'odissea purtroppo. Messaggi in lacrime ad amici e tanta paura con la consapevolezza di non poter far nulla. Piano piano l'acqua melmosa entra al piano terra e con tovaglie e coperte cerco di tamponare. Arriva un amico e fortunatamente mi salva l'auto alzandola da terra con cric e pietre del mio giardino. Dopo un anno ancora alcuni lavori per risistemare la casa, il limo che riaffiora ancora e il panico ad ogni temporale. Andando ad aiutare persone in situazioni peggiori della mia l'unico pensiero che mi è rimasto è che mi è andata male ma non malissimo... Una casa ce l'ho ancora".

Nicoletta, Bagnara di Romagna

In vista del primo anniversario della tragedia che ha colpito il nostro territorio, RavennaToday raccoglie e pubblica i ricordi e le testimonianze dei lettori su quanto accadde in quei giorni. I contributi inviati dai lettori devono pervenire in forma scritta, con testi di minimo 1.500 battute, corredati – se possibile – da fotografie o video. L'obiettivo è quello di costruire e mantenere viva una memoria collettiva di quanto successe quel 16 maggio 2023 e nei giorni successivi. Non si accettano contenuti di poche righe o solo foto o video. Per inviare il proprio testo, mandare una e-mail a redazione@romagnaoggi.it

Alluvione un anno dopo - tutte le storie

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alluvione un anno dopo - "Mi sono affacciata al balcone e ho visto la strada e il giardino colmi d'acqua"

RavennaToday è in caricamento