Mercoledì, 19 Maggio 2021
Cronaca

Niente pubblico o figuranti a Sanremo: Amadeus pronto a lasciare

Sanremo 2021 traballa. A quattro settimane dall'inizio del Festival, Amadeus è pronto a rimettere il mandato di direttore artistico e conduttore

Sanremo 2021 traballa. A quattro settimane dall'inizio del Festival, Amadeus è pronto a rimettere il mandato di direttore artistico e conduttore. Le polemiche sulla presenza all'Ariston del pubblico, sostituito da figuranti - nel pieno rispetto delle norme anti-Covid - avevano appesantito l'atmosfera già da giorni, ma a far degenerare la situazione, giovedì, è stato il tweet del ministro Franceschini, che non solo boccia l'ipotesi dei figuranti ma avalla anche le critiche arrivate da una parte del mondo dello spettacolo che parla di discriminazioni rispetto agli altri teatri italiani.

"Il Teatro Ariston di Sanremo è un teatro come tutti gli altri - ha cinguettato Franceschini - e quindi, come ha chiarito ieri il ministro Roberto Speranza, il pubblico, pagante, gratuito o di figuranti, potrà tornare solo quando le norme lo consentiranno per tutti i teatri e cinema. Speriamo il prima possibile". Dopo queste parole il presentatore ravennate starebbe seriamente valutando il gesto clamoroso di mollare tutto, come ha spifferato qualcuno dai corridoi di viale Mazzini. Amadeus e i suoi, che hanno sempre parlato della difficoltà per gli artisti di esibirsi davanti a un teatro vuoto, avrebbero sottolineato anche come mercoledì il ministro della Salute Speranza avesse parlato di pubblico e non di figuranti, come ha fatto invece Franceschini, le cui parole sono state dunque interpretate come un attacco al Festival. Senza considerare il fatto che molti altri programmi tv vanno in onda con un pubblico di figuranti scritturati. Nella giornata di giovedì è previsto l'incontro tra Amadeus e l'amministratore delegato Rai Salini, dal quale potrebbe dipendere il futuro di Sanremo 2021.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Niente pubblico o figuranti a Sanremo: Amadeus pronto a lasciare

RavennaToday è in caricamento