rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Cronaca

Anche un giovane ravennate scelto per il progetto europeo da 4 milioni di euro

L'ingegnere ravennate è fondatore e presidente dell'azienda Bloomfield, membro del Gruppo Giovani Imprenditori di Confartigianato e presidente di Bisanzio Ravenna

Viene da Ravenna uno dei principali protagonisti di “ProGetOne - Proactive synergy of inteGrated Efficient Technologies on buildings’ Envelopes”, progetto europeo di cui va in scena da giovedì a sabato a Groninga, in Olanda, il secondo meeting (che di fatto apre la fase operativa). Il progetto si occupa di riqualificazione energetica degli edifici, ha come lead partner il dipartimento di Architettura dell’Università di Bologna ed è stato finanziato all’interno del programma Ue Horizon 2020 con circa 3 milioni 800 mila euro.

Fra coloro che hanno messo a punto l’idea progettuale, fin dalla fase dell’ideazione e della presentazione all’Unione Europea, c’è appunto il giovane ingegnere ravennate Alex Raffoni. Raffoni è il fondatore e presidente di Bloomfield, azienda con sede a Cesena che è uno dei partner fondamentali del progetto (di cui segue la costruzione e lo sviluppo della soluzione impiantistica). “ProGETonE”, a cui partecipano 15 partner da Italia, Germania, Olanda, Belgio, Spagna, Romania, Svizzera e Grecia, ha come obiettivo la riqualificazione di un edificio urbano tramite i più moderni dettami ingegneristici (in termini strutturali, di risparmio energetico, antisismici ecc.), attraverso la trasformazione dell’esterno dell’edificio attuale con un incremento di volumetria e di zone cuscinetto, che di fatto ne amplieranno le superfici abitabili e quindi ne accresceranno il valore. Una proposta che verrà realizzata nell’arco di quattro anni in una struttura popolare del quartiere ateniese di Peristeri, ma che potrà poi essere “esportata” ovunque: nel corso dei lavori di preparazione del progetto erano state individuate strutture popolari “alternative” anche in Italia, Romania e Olanda. Per Raffoni e per Bloomfield - la start up da lui creata nel 2013 che si occupa di ingegneria, termoidraulica, bioedilizia - si tratta ovviamente di una grande soddisfazione, in grado di dare visibilità internazionale all’azienda e di aumentare l’esperienza operativa di uno staff giovane e preparato. Ma l’attività di Raffoni non si ferma a Bloomfield: il giovane ingegnere ravennate - che da ex pallanuotista ama il gioco di squadra - è impegnato sul territorio ravennate in diverse attività di “servizio” al mondo delle imprese: è membro del Gruppo Giovani Imprenditori di Confartigianato ed è presidente di Bisanzio Ravenna, gruppo nato nel 2015 che comprende una quarantina di imprenditori di diversi ambiti, che collaborano tra loro basandosi sulla filosofia della reciprocità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche un giovane ravennate scelto per il progetto europeo da 4 milioni di euro

RavennaToday è in caricamento