Ancora droga e spaccio al parco: "Situazione invivibile da anni"

Dopo l'arresto di due pusher avvenuto martedì pomeriggio nel parco di via Capodistria, il gruppo consigliare La Pigna torna a chiedere maggiore sicurezza nell'area

Dopo l'arresto di due pusher avvenuto martedì pomeriggio nel parco di via Capodistria, il gruppo consigliare La Pigna torna a chiedere maggiore sicurezza nell'area. "Il parco, che confina con una scuola dell'infanzia, è oggetto ormai da diversi mesi di attenzione da parte delle forze dell’ordine", spiega la capogruppo Veronica Verlicchi, che gia a ottobre aveva posto all'attenzione dell'amministrazione la situazione del parco pubblico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'area, secondo la consigliera d'opposizione, "viene stabilmente utilizzata come luogo di bivacco oltre che di spaccio di droga e consumo di alcool, inibendone così la fruizione da parte dei residenti che lamentano da anni lo stato di abbandono del parco da parte del Comune di e il suo continuo degrado". Nel question time depositato, La Pigna chiede "quali iniziative il sindaco e la giunta intendano adottare affinchè il parco torni a essere fruibile dai bambini, dalle famiglie e da tutti i residenti del quartiere; quali interventi intenda porre in essere la Polizia Municipale per contrastare il degrado di tale parco".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ravennate in Nuova Zelanda: "Guardavano noi italiani con diffidenza, ora il panico è arrivato anche qua"

  • Si cappotta in un campo col camion: portato a Bologna in elicottero, è gravissimo

  • Scompare da casa, vasta ricerca delle forze dell'ordine su tutto il territorio

  • Il Coronavirus si porta via un medico: "Una splendida persona sempre disponibile"

  • Coronavirus, rallentano i contagi e crescono i guariti. Ma Ravenna conta un altro morto

  • Fortissima esplosione in un'abitazione: uomo ferito in condizioni gravissime

Torna su
RavennaToday è in caricamento