Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dai monumenti Unesco alla pineta: la conduttrice romagnola Andrea Delogu promuove Ravenna - VIDEO

La conduttrice televisiva e radiofonica ha raccontato sui suoi profili social la Romagna, sua terra d’origine essendo nata a Cesena

 

C’è anche un volto - e una voce - femminile tra i testimonial dell’Emilia Romagna di questo difficile 2020: è Andrea Delogu. La conduttrice televisiva e radiofonica ha raccontato sui suoi profili social la Romagna, sua terra d’origine essendo nata a Cesena. In una delle video-puntate, Andrea ha sintetizzato ciò che per lei è Ravenna.

"E' stata per tre volte capitale d'Italia - racconta la conduttrice - Ci sono otto monumenti inseriti nella lista del Patrimonio mondiale Unesco: il Mausoleo di Galla Placidia, il Battistero degli Ortodossi, il Battistero degli Ariani, la Basilica di Sant'Apollinare Nuovo, la Cappella di Sant'Andrea, il Mausoleo di Teodorico, la Basilica di San Vitale e la Basilica di Sant'Apollinare in Classe. Poi c'è la Rocca Brancaleone e anche il Sepolcro di Dante: eh sì ragazzi, perchè Dante non è spirato a Firenze, ma a Ravenna, dove negli ultimi anni della sua vita ha terminato la Divina Commedia. La seconda domenica di settembre, in ricordo della morte del Sommo Poeta, c'è un incontro tra Ravenna e Firenze dove c'è lo scambio dell'olio per la lampada votiva, ed è molto bello perchè durante questi giorni in tutta la città si respira un'aria diversa, "dantesca". Tra tutti questi monumenti che vi ho citato, quello che mi è rimasto più impresso quando sono andata in gita è la Basilica di San Francesco. Meravigliosa, delle volte stupende, respiri proprio tutta la storia e tutti i passaggi di potere che ci furono man mano nei periodi storici. C'è una piccola botola, che è profonda tre metri, che porta alla soglia laterale e di lì la parte della Basilica ai tempi di Dante. Ma la cosa che mi colpì tantissimo è la cripta a oratorio che è immersa in un metro e mezzo di acqua... è pazzesca! Ovviamente a Ravenna c'è anche il mare: si chiama Pineta di Classe, ci sono trenta chilometri di bagnasciuga (come dice mia nonna!) e anche lì, mentre si percorre questo passaggio meraviglioso, si riesce ancora a sentire il profumo del Sommo Dante, perchè alcuni passaggi sono ritrovabili nella Divina Commedia. "La divina foresta fresca e viva": eh sì, è la pineta di Classe".

Il video ha raccolto centinaia di commenti, tra i quali quello di Ravenna Tourism che invita la conduttrice a tornare in visita alla città: "Non vediamo l'ora che tu ci venga a trovare. Ti aspetta un giro tra i monumenti del centro storico, una capatina al mare e uno in pineta, e per concludere il miglior piatto di cappelletti che tu abbia mai assaggiato".

Potrebbe Interessarti

Torna su
RavennaToday è in caricamento