Animalisti in presidio di fronte allo zoo safari: "Riconvertirlo in oasi di recupero"

17 attivisti si sono schierati di fronte alla struttura per combattere per i diritti degli animali presenti a pochi metri di distanza

Ha preso vita domenica il primo presidio autorizzato davanti allo Zoo Safari Ravenna. Da Rimini, Cesena, Cesenatico, Ravenna, Parma, Faenza e Perugia 17 attivisti si sono schierati di fronte alla struttura per combattere per i diritti degli animali presenti a pochi metri di distanza. "Abbiamo chiesto che questo luogo venga riconvertito in oasi di recupero senza scopo espositivo - spiegano Rossella Bonmartini e Debora Barbieri del gruppo 'Rimini Vegan' - Solo il 2% delle specie in via di estinzione è coinvolto in programmi internazionali di allevamento secondo i dati di Ucn (Union for the Conservation of Nature): decade quindi completamente la scusa della conservazione della specie per questi luoghi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre passeggia nota un'auto nel fiume: a bordo non c'era nessuno

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Schianto frontale: Panda proiettata nel fosso dopo l'urto, 65enne soccorso con l'elicottero del 118

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Lo sfogo di una parrucchiera: "Salone anti-covid, ma le miei clienti non possono più venire"

  • Troppe persone nel negozio di alimentari: chiuso per 5 giorni

Torna su
RavennaToday è in caricamento