rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca Conselice

'Anpi collaborazionisti dei nazisti': nuovi attacchi vandalici dei no-vax

"Provvederemo a una denuncia contro ignoti, sperando che si possano identificare al più presto gli autori e siano severamente sanzionati"

Ancora atti vandalici 'no-vax' ai danni della comunità conselicese, insieme a quelli avvenuti giovedì a Lugo. Nella notte tra mercoledì e giovedì sono stati perpetrati altri due atti vandalici ai danni della comunità conselicese e dell’Anpi. Dopo aver deturpato il ritratto di Enrichetta Cabassi qualche settimana fa, nella notte i vandali l’hanno danneggiata nuovamente con scritte contro il vaccino. Sull'edificio dell'Anpi, invece, oltre ai soliti simboli 'W vivi' sono apparse le scritte 'Anpi collaborazionisti dei nazisti, Silvia si rivolta nella tomba, Governo criminale'.

"Non devono aver mai studiato storia - dichiara Paola Roccati, presidente dell’Anpi di Conselice - Se pensano davvero di usare i simboli e i martiri della lotta al nazifascismo contro la Repubblica dimostrano non solo una profonda ignoranza della Storia e della Costituzione repubblicana, ma anche una buona dose di stupidità. Provvederemo a una denuncia contro ignoti, sperando che si possano identificare al più presto gli autori e siano severamente sanzionati. Dopotutto la nostra è una piccola comunità e non sarà difficile individuarli”.

Il Consiglio direttivo di Anpi Conselice e la federazione Anpi Ravenna organizzeranno nei prossimi giorni iniziative volte a informare la cittadinanza degli avvenimenti e si adopereranno "affinché venga meno l’uso politico eversivo di quella che è la battaglia di tutto il mondo per sopravvivere ad una pandemia che da due anni sta mietendo vittime. La libertà, questa parola usata il più delle volte a sproposito, dovrebbe essere definita con più esattezza e spiegata bene. La liberta, infatti, esiste solo quando quella di ciascuno non lede quella altrui - conclude la presidente Roccati - e la Costituzione è stata scritta affinché ciò sia sempre vero".

Anche l’amministrazione comunale di Conselice si unisce alla condanna dell’ennesimo atto vandalico compiuto sul territorio, "che va a colpire un simbolo della Resistenza che nulla ha a che vedere con questi soggetti e con i loro argomenti". Così come il Partito della Rifondazione Comunista Federazione di Ravenna, che esprime la massima solidarietà: "Questi atti di chiara modalità neofascista non possono più essere tollerati, i comunisti hanno avuto un ruolo determinante nella lotta di liberazione e non permetteranno che la memoria delle donne e degli uomini cadute e caduti per la nostra libertà venga infangata e strumentalizzata, per questo saranno sempre a fianco dell'Anpi per la difesa della Costituzione nata dalla lotta di liberazione".

"Si tratta di gesti miserabili che offendono i valori antifascisti di una comunità, quella conselicese, per i quali l’Anpi di Conselice ha sempre manifestato un forte impegno culturale e di promozione - commentano dal Pd di Conselice - Il rispetto per le persone, in particolar modo per coloro che hanno combattuto e perso la vita per garantire a noi democrazia e libertà, è punto di riferimento della politica del Pd che sempre si impegnerà, al fianco dell’Anpi, per la difesa e l’affermazione dei valori dell’antifascismo. Questi atti vandalici non appartengono in alcun modo allo spirito e ai valori della comunità conselicese, una comunità che ha dimostrato in questi anni difficili un radicato senso civico. Le scritte apparse nelle scorse notti a Conselice e a Lugo sono un’offesa verso tutti coloro che ogni giorno sono in prima linea per combattere la pandemia e per tutti i cittadini che, con grande senso di responsabilità e lecita preoccupazione, si vaccinano".

271738749_10158457848320978_8421969599377112193_n-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Anpi collaborazionisti dei nazisti': nuovi attacchi vandalici dei no-vax

RavennaToday è in caricamento