rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Cronaca Cervia

Paziente morta per gli psicofarmaci per l'insonnia: infermiere condannato

L'imputato, difeso dall'avvocato Massimo Martini, ha sempre negato ipotizzando che la persona potesse avere avuto con sé medicine o che altri gliele avessero date

Un infermiere 54enne, all'epoca dei fatti in forza al reparto di lungodegenza dell'ospedale di Cervia, è stato condannato a due anni e dieci mesi di reclusione per la morte di una paziente 67enne deceduta dopo la somministrazione di sedativi la notte tra 25 e 26 settembre 2016. L'imputato - come riferito dai quotidiani locali - è accusato di esercizio abusivo di professione medica e di morte come conseguenza di altro reato (la Procura aveva chiesto tre anni e mezzo). Il giudice, pur respingendo la richiesta di provvisionale, ha anche condannato l'uomo al risarcimento da quantificarsi in separata sede (parti civili erano sia l'Ausl Romagna che i familiari della defunta).

Secondo la testimonianza di una collega 32enne dell'imputato, alla 67enne - che tra le altre cose soffriva di insonnia - l'uomo avrebbe fatto una iniezione di Diazepam, psicofarmaco conosciuto pure come Valium, per aiutarla a dormire. Inoltre, dopo la morte della donna, lui avrebbe confidato di avere aggiunto anche Talofen, forte sedativo. L'imputato, difeso dall'avvocato Massimo Martini, ha sempre negato ipotizzando che la persona potesse avere avuto con sé medicine o che altri gliele avessero date. (Ansa)

Le altre principali notizie del 7 marzo

Nascondeva in casa sei milioni di euro di merce rubata

Nuovi investimenti nella sanità: "Ma manca un medico su 4"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paziente morta per gli psicofarmaci per l'insonnia: infermiere condannato

RavennaToday è in caricamento