menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Esce in pigiama nel cuore della notte e si perde nei campi: la Polizia lo ritrova nel fango in ipotermia

Disavventura a lieto fine, grazie alla Polizia di Stato, per un 90enne ravennate che, svegliatosi nel cuore della notte, si era allontanato da casa eludendo la vigilanza dei familiari

Disavventura a lieto fine, grazie al premuroso lavoro della Polizia di Stato, per un 90enne ravennate. Sabato mattina, intorno alle 7, gli agenti di una volante dell’ufficio Prevenzione Generale Soccorso Pubblico della Questura di Ravenna sono intervenuti a Classe per un anziano che, svegliatosi nel cuore della notte, si era allontanato da casa eludendo la vigilanza dei familiari. A dare l'allarme è stata la moglie dell'uomo, che svegliandosi non lo ha trovato al suo fianco. Nella circostanza gli agenti hanno accertato che, nonostante la temperatura notturna prossima allo zero, l’uomo era uscito di casa dal cancello posteriore indossando solamente il pigiama e le ciabatte, lasciando in vece a casa cappotto, occhiali e deambulatore.

Gli agenti intervenuti, verificate le circostanze dell’allontanamento dell’anziano, hanno fatto arrivare sul posto un secondo equipaggio, avviando così una minuziosa perlustrazione di tutto l’abitato di Classe, che si è concluso negativamente. A fronte dell'esito negativo, i poliziotti hanno quindi deciso di avventurarsi all'interno dei vasti campi che circondano la zona, effettuando un vero e proprio rastrellamento dell’area rurale coltivata a grano con piante già alte una trentina di centimetri, che non avrebbero permesso la visuale di un eventuale corpo disteso a terra se non a distanza ravvicinata.

E proprio in un fondo agricolo fra l’abitato di Classe e la Classicana, che presentava un sentiero con erba calpestata di recente a circa 200 metri dalla strada, gli agenti intorno alle 9.30 hanno avvistato la sagoma dell'uomo riversa a terra, rannicchiata in un avvallamento e nascosta dalla vegetazione. Il corpo dell’uomo, con indosso solamente il pigiama, era riverso sul fianco destro ricoperto di fango e completamente bagnato a causa dell'abbondante umidità.

Appurato che l’uomo era ancora in vita - in quanto si percepiva un debole respiro e si sentiva il battito cardiaco - i poliziotti lo hanno coperto con le giacche dell’uniforme nel tentativo di riscaldarlo, frizionandolo sulla schiena e sulle gambe e parlandogli continuamente per mantenerlo vigile, in attesa del soccorso sanitario. Sul posto è intervenuto personale medico del 118 che, constatato il grave stato di ipotermia dell’anziano - con una temperatura corporea di 34 gradi che non gli avrebbe consentito di resistere a lungo in quelle condizioni - lo ha trasportato al pronto soccorso dell'ospedale di Ravenna per le cure del caso, dove l'uomo si trova ricoverato e si sta riprendendo.

I due equipaggi che hanno salvato l'uomo, finito il turno di lavoro sabato, si sono recati in ospedale per accertarsi delle condizioni dell'anziano. La moglie e la figlia del 90enne, una volta giunta la lieta notizia del ritrovamento, sono scoppiate in lacrime e hanno abbracciato e ringraziato la poliziotta intervenuta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento