Anziano inciampa in piazza Mameli, Ancisi (LpRa): "Biglietto da visita indecente"

A segnalare il caso è il capogruppo di Lista per Ravenna Alvaro Ancisi, che sul caso ha presentato un question time

"Martedì 23 giugno una persona anziana che aveva parcheggiato la propria auto sul parcheggio a pagamento di piazza Mameli è inciampata, mentre ne usciva lateralmente a piedi, su una vistosa discrepanza della soglia che scende sulla carreggiata viaria cadendo a terra. Fortunatamente non ha subìto danni evidenti, rendendo superfluo il soccorso delle persone presenti. Il caso ripropone l’indecenza di questa struttura stradale". A segnalare il caso è il capogruppo di Lista per Ravenna Alvaro Ancisi, che sul caso ha presentato un question time.

"Piazza Mameli è il biglietto da visita offerto da Ravenna ai visitatori che arrivano, in treno o in autobus, nella zona stazione. Al suo fianco, la storica basilica di San Giovanni Evangelista si propone come l’anticipo di una serie di monumenti, chiese e musei di interesse mondiale. Nell’albergo quattro stelle NH, che ne occupa il lato verso il centro città, soggiorna prevalentemente una clientela turistica o di affari. Ne rafforzano il prestigio la caserma centrale della polizia municipale e l’Unità territoriale dell’Aci, Automobile Club Ravenna - continua il consigliere d'opposizione - Da tempo immemorabile, piazza Mameli attende però invano quella sacrosanta riqualificazione che altre, con pari meriti e necessità, hanno ottenuto e che piazza dei Caduti per la Libertà ha in corso da alcune settimane. Totalmente disastrato si mostra soprattutto il parcheggio, che occupa l’intera piazza al netto del quadrilatero stradale esterno. La pavimentazione, lastricata con cubetti di pietra, è coperta di pezze e rattoppi, di buche, sconnessioni e fratture che ne rendono arduo e rischioso il camminamento sui percorsi pedonali, oltreché a sbalzi l’entrata e l’uscita delle auto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Malridotto è anche il marciapiedi del lato stazione, tra viale Farini e la via Rocca Brancaleone - insiste Ancisi - Dissestato e pericoloso, soprattutto per le persone in carrozzina o col girellino, è comunque impresentabile per i clienti delle attività commerciali che vi si affacciano: negozi di abbigliamento, di giocattoli, di tabaccheria e di gioielleria, un bar e un’autoscuola, oltre all’ingresso di un condominio residenziale. Arrivati al portone della caserma della polizia municipale, i malcapitati pedoni s’imbattono negli scassi disdicevoli e franosi esistenti ai suoi lati (vedi due foto specifiche). Si giustifica quindi chiedere al sindaco di Ravenna se, per le suddette ragioni, intende disporre la dovuta riqualificazione di piazza Mameli con la maggiore sollecitudine, e comunque entro il termine del suo mandato elettorale 2016-2021".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso un nuovo decreto: coprifuoco, scuola al pomeriggio e restrizioni per i locali

  • Folle inseguimento sulle auto rubate nella notte: finisce con un incidente

  • 10 alunni e 2 insegnanti positivi al Covid: la scuola chiude e fa il tampone a tutti

  • Investita mentre attraversa sulle strisce: donna in condizioni gravissime

  • Azienda in crisi e lavoratori a rischio, lo sfogo di una dipendente: "Ci hanno abbandonati"

  • Coronavirus, 53 nuovi casi nel ravennate: anziani positivi in casa di riposo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento