Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

Approvati assestamento e bilancio di previsione di Classense e Mar

Per quanto riguarda l’assestamento, l’assessora ha evidenziato che si tratta di una manovra contenuta con la quale si prende atto delle maggiori entrate pari a 29.506,70 euro, da fondi statali

Nella seduta di martedì, il consiglio comunale ha approvato le delibere “Approvazione assestamento generale del bilancio di previsione 2020-2022- terza variazione al bilancio di previsione e al piano esecutivo di gestione 2020-2022 dell'Istituzione biblioteca Classense”; “Approvazione bilancio di previsione 2021-2023 dell'Istituzione biblioteca Classense”. La prima è stata approvata con 20 voti favorevoli (gruppi di maggioranza e Ravenna in Comune),  10 astenuti (gruppo Alberghini, CambieRà, Forza Italia, Lega nord, Lista per Ravenna, gruppo Misto), 1 voto contrario (La Pigna). La seconda con 19  voti favorevoli (gruppi di maggioranza e Ravenna in Comune), 10 astenuti (gruppo Alberghini, CambieRà, Forza Italia, Lega nord, Lista per Ravenna, gruppo Misto), 1 voto contrario (La Pigna). Ha illustrato le delibere l’assessora alla Cultura, Elsa Signorino.

Per quanto riguarda l’assestamento, l’assessora ha evidenziato che si tratta di una manovra contenuta con la quale si prende atto delle maggiori entrate pari a 29.506,70 euro, da fondi statali. Per quanto riguarda il secondo documento relativo al bilancio di previsione 2021, l’assessora Signorino ha evidenziato l’impegno complessivo a carico del bilancio comunale che è pari a 2.583.137,29 euro, di cui 1.050.000 come trasferimento diretto al bilancio 2021 dell’Istituzione ed il rimanente per spese di personale e gestione assunte direttamente dall’amministrazione.

La Signorino ha quindi evidenziato il prestigio della Classense, istituzione di tradizione e al contempo proiettata nel futuro e frequentata, in epoca non Covid, da circa 1000 persone al giorno, soprattutto giovani, giovanissimi ma anche, naturalmente, ricercatori e studiosi. Ha sottolineato la capacità della Biblioteca di garantire efficacemente attività di pubblica lettura, studio, ricerca, attività di promozione della lettura per bambini e famiglie, ma anche attività espositive. Nonostante sia al momento chiusa, l’attività della Biblioteca non si è affatto fermata e continua ad erogare servizi in digitale che rendono massimamente accessibile il patrimonio librario.

Si sta sperimentando con successo il prestito a domicilio attraverso la riconversione del servizio di Bibliobus che consente di ricevere gratuitamente presso il proprio domicilio i libri chiesti in prestito. Il servizio si è rivelato particolarmente prezioso per le persone in quarantena che ne hanno fatto richiesta e potrà essere utilizzato anche in futuro per le persone in stato di fragilità sociale. E’ stato inoltre riattivato il prestito in presenza in condizioni di sicurezza grazie alla fruizione contingentata.

L’assessora Signorino ha quindi voluto evidenziare l’alta professionalità e l’impegno degli operatori culturali della biblioteca, sia dipendenti del Comune, sia dipendenti di servizi esternalizzati. Non ha mancato di ricordare l’importante servizio reso dalle biblioteche decentrate e l’impegno profuso per l’ampliamento degli orari di apertura. Ha segnalato la molteplicità delle attività espositive che sono state sospese a causa della pandemia, ma che riapriranno appena le condizioni derivanti dall’emergenza sanitaria lo consentiranno (tra queste ha citato la mostra “Inclusa est flamma”), mentre non ha potuto aprire la mostra prevista per celebrare i cento anni dalla nascita di Gianni Rodari, che può essere fruita attraverso un prezioso video in rete. La “fabbrica” della Classense è poi stata, e sarà, oggetto di importanti interventi di conservazione e restauro. Ha ricordato anche il riallestimento del Museo Dantesco punto di forza del programma delle celebrazioni per il settimo centenario.

Mar

Nella stessa seduta il consiglio comunale ha approvato le delibere “Approvazione assestamento generale del bilancio di previsione 2020-2022 - terza variazione al bilancio di previsione 2020-2022 dell'Istituzione Museo d'arte della città” e “Approvazione bilancio di previsione 2021-2023 dell'Istituzione Museo d'arte della città”. La prima è stata approvata con  18 voti favorevoli (gruppi di maggioranza),  3 astenuti (gruppo Misto e Ravenna in Comune), 9 voti contrari (gruppo Alberghini, CambieRà, Forza Italia, La Pigna, Lega nord, Lista per Ravenna). La seconda con 20 voti favorevoli (gruppi di maggioranza e Ravenna in Comune), 2 astenuti (gruppo Misto), 9 voti contrari (gruppo Alberghini, CambieRà, Forza Italia, La Pigna, Lega nord, Lista per Ravenna). Ha illustrato i documenti l’assessora alla Cultura, Elsa Signorino.

Per quanto riguarda la prima delibera l’assessora Signorino ha fatto presente che si tratta della terza variazione di bilancio, quella conclusiva. Una manovra di portata contenuta (1600 euro) necessaria per la definizione degli equilibri di bilancio che chiuderà in pareggio. Nel descrivere la seconda delibera l’assessora Signorino ha evidenziato come l’emergenza sanitaria in atto abbia particolarmente segnato i luoghi della cultura, luoghi per definizione di comunità e aggregazione, oggi costretti alla chiusura; chiusura che, ovviamente, ha riguardato non solo il Mar ma anche la Biblioteca Classense. L’assessora ha rappresentato come, nonostante la chiusura, non sia venuta meno la loro operatività e l’impegno costante degli operatori museali e dei bibliotecari per riprogettare il lavoro e continuare a garantire, con modalità innovative, la più ampia fruizione possibile dei servizi culturali. Questo a dimostrazione di come la cultura non si ferma, non può fermarsi e a Ravenna è più vero che altrove.

Ha poi indicato alcune scelte rilevanti, di alto valore simbolico, in particolare il mantenimento dell’apertura - fortemente voluta dal sindaco - della Tomba di Dante con la prosecuzione della lettura della Commedia. Si tratta, in quest’ultimo caso, di un evento di grande valore comunitario e partecipativo come sottolineato dalla presenza di prenotazioni fino a tutto il mese di aprile 2021. Un’autentica testimonianza dell’amore per Dante dei ravennati in una fase in cui cittadini di altre città, già prenotati, non hanno potuto essere presenti a causa delle restrizioni. Si sta poi sperimentando su vasta scala l’erogazione dei servizi culturali in digitale: convegni e letture dantesche, con la presenza di eminenti studiosi, unitamente alla lettura quotidiana della Commedia hanno registrato, in autunno, 18 mila collegamenti.

L’assessora ha sottolineato la forte interazione tra i diversi soggetti istituzionali coinvolti in una rete di risorse in grado di costruire progetti comuni (in questo quadro si inserisce anche un percorso con Forlì per gli eventi espositivi nella consapevolezza che la collaborazione è più lungimirante della competizione campanilistica fra territori). Ha quindi ricordato che il bilancio 2021 del Mar si caratterizza per la realizzazione degli eventi espositivi a tema dantesco oggetto di rimodulazioni nella tempistica causa Covid: tra le mostre ha segnalato “Le arti al tempo dell’esilio”, curata da Massimo Medica, nell’ambito del progetto “Dante. Gli occhi e la mente”; una mostra che vede una molteplicità di collaborazioni e prestiti prestigiosi. In particolare i capolavori dei due più grandi testimoni dell’arte figurativa del tempo, Giotto e Cimabue. Una mostra percorso in grado di valorizzare anche le testimonianze artistiche dell’epoca presenti in città e in Romagna.

La seconda mostra, nell’ambito dello stesso progetto, è “Dante un’epopea pop”, a cura di Giuseppe Antonelli, docente di linguistica italiana all’Università di Pavia e nota firma del Corriere della Sera, che indagherà la fortuna popolare di Dante con installazioni di artisti contemporanei di prestigio, tra cui, Edoardo Tresoldi. E’ inoltre contemplata l’apertura del nuovo ingresso del Museo lato giardini i cui lavori sono in fase di completamento. E ancora, è previsto per l’autunno 2021 il riallestimento della mostra mosaici moderni e contemporanei che occuperà il piano terra del Museo. In chiusura ha evidenziato l’importante azione di valorizzazione delle collezioni permanenti nonché l’attivazione dell’Accordo di valorizzazione sottoscritto nel 2017 da Mibact, Regione Emilia-Romagna e Comune di Ravenna, che prevede, tra l’altro, l’erogazione da parte della Fondazione RavennAntica di servizi per l’accesso di nuova generazione; in particolare un sistema avanzato di prenotazione e bigliettazione che, oltre a qualificare l’Istituzione, permette di affrontare nel modo migliore anche le situazioni di emergenza determinate dal Covid. L’ammontare complessivo dell’investimento a carico del Bilancio comunale nel 2021 per il Mar è pari a 1 milione 576 mila euro e comprende il trasferimento di 600 mila euro al Bilancio dell’Istituzione; la quota rimanente è relativa alle spese di personale e gestione che il Comune assume direttamente.

Sono intervenuti nel dibattito: Alvaro Ancisi (Lista per Ravenna), Fabio Sbaraglia (Pd), Emanuele Panizza (gruppo Misto), Chiara Francesconi (Pri), Veronica Verlicchi (La Pigna). Il gruppo Lista per Ravenna ha dichiarato il voto contrario perché a suo avviso il museo ha subìto una costante decadenza nonostante il patrimonio inestimabile delle collezioni permanenti che non sono adeguatamente valorizzate. Il gruppo Pd ha contestato le illazioni di Lista per Ravenna sulla trascuratezza verso le mostre permanenti; ha evidenziato la bontà delle scelte politiche dell’amministrazione in ambito culturale grazie all’impiego di risorse pubbliche mentre altri Comuni ricorrono a investimenti di privati.

Il gruppo Misto, nel motivare il voto di astensione, ha preso ad esempio altre città simili a Ravenna per caratteristiche e numero di abitanti in grado di offrire pacchetti delle mostre comprensivi di molti altri servizi; ritiene che si sperimenti poco e che si possa fare molto di più. Il gruppo Pri si è detto dispiaciuto di critiche fuori luogo provenienti da gruppi di minoranza e ha ribadito la positiva azione dell’amministrazione comunale, in grado di portare frutti estremamente produttivi, mantenendo operativi i luoghi della cultura nonostante le chiusure imposte dal covid-19. Il gruppo La Pigna ha evidenziato che non sono mai stati raccolti dalla maggioranza i contributi di idee avanzati dall’opposizione anche attraverso mozioni puntualmente bocciate; a suo avviso le risorse comunali trasferite servono a coprire i deficit di bilancio del museo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Approvati assestamento e bilancio di previsione di Classense e Mar

RavennaToday è in caricamento