rotate-mobile
Cronaca Centro / Viale Europa

Passi avanti per l'area commerciale "De Andrè – viale Europa"

I prossimi e ultimi passaggi saranno l’approvazione del Pua in giunta e la firma della convenzione con il Comune

Il consiglio comunale ha approvato l’accordo territoriale fra Provincia e Comune (già approvato dal consiglio provinciale il 29 settembre) per l’insediamento commerciale di rilevanza provinciale di attrazione inferiore da attuarsi nell’ambito individuato dalla scheda di Poc Co S4 “De Andrè – viale Europa”. Hanno votato a favore Pd, Pri, Fds, Forza Italia, gruppo misto, Ncd; contrari Movimento 5 Stelle, Lista per Ravenna, Lega Nord. La delibera è stata illustrata da Libero Asioli, assessore all’Urbanistica.

Si tratta di un ulteriore passo avanti nel percorso per la realizzazione del Progetto urbanistico attuativo (Pua) presentato dalle ditte Bellocchio 2006 srl e Sva per la realizzazione di un insediamento commerciale nell’area delimitata a nord da via Travaglini, in adiacenza al centro commerciale Teodora, a ovest da viale Europa, a sud da via Canale Molinetto e a est dal complesso La Monaldina. I prossimi e ultimi passaggi saranno l’approvazione del Pua in giunta e la firma della convenzione con il Comune.

Il Progetto urbanistico attuativo propone, in base alle destinazioni d’uso consentite dal Poc, la realizzazione di un’area polifunzionale all’interno della quale è prevista un’area commerciale integrata per medie strutture in cui sono a loro volta previste una struttura alimentare di 2.500 metri quadri e due strutture non alimentari di 5mila e 2.500 metri quadri, oltre a strutture a destinazione ricettiva, ricreativa e direzionale.

In base all’accordo sottoscritto tra soggetto attuatore e Comune ai sensi dell’articolo 18 della legge regionale 20 del 2000, il privato dovrà realizzare la nuova accessibilità all’area da viale Europa, con adeguamento della viabilità limitrofa (nuova rotatoria di accesso all’ambito su viale Europa in sostituzione dell’attuale svincolo; nuova rotatoria su via Travaglini in funzione dell’accesso da via Trieste; nuova rotatoria su via Canale Molinetto che regoli l’ingresso e l’uscita nella parte est dell’intero complesso; adeguamento della rotonda Francia). E’ inoltre prevista dal medesimo accordo la cessione gratuita in favore del Comune delle aree interessate dalla realizzazione del by pass del Candiano e relativo verde di filtro e mitigazione.

«Si tratta di aree – ha sottolineato Asioli - che erano già ampiamente previste e approvate con gli strumenti urbanistici attualmente in vigore. L’iter di approvazione si conclude prima della scadenza del Poc, come previsto dalla specifica normativa. Al di là delle opinioni in relazione alla nostra pianificazione urbanistica, mi pare più che altro un bel segnale per la nostra economia: c' è qualcuno che ci crede e vuole investire sul nostro territorio».

Alvaro Ancisi (Lista per Ravenna) ha dichiarato voto contrario “anche se la delibera di per se stessa rappresenta un atto dovuto, perché l’intervento al quale si fa riferimento è consentito da scelte urbanistiche da noi fortemente contestate. Si tratta del consumo di una ulteriore e notevole parte di territorio, sulla quale si realizzerà un’area commerciale di 7.500 metri quadrati, di cui 2.500 destinati al settore alimentare. Il tutto in una realtà come la nostra, nella quale l’equilibrio della presenza e distribuzione di spazi commerciali è già fortemente compromesso dalla grande distribuzione a danno delle piccole e medie imprese e dei negozi di vicinato”.

Francesca Santarella (Movimento 5 Stelle) ha dichiarato voto contrario sottolineando che “nella nostra città e nella nostra provincia si registra il maggior consumo di suolo rispetto all’Emilia Romagna e tra i più alti in Italia. Nel caso specifico poi siamo su una strada che porta a una località turistica; per chi va a Punta Marina sarà davvero un bel biglietto da visita trovarsi sulla sinistra un complesso commerciale uguale a migliaia di altri che hanno deturpato il paesaggio”.

Alberto Donini (Lega Nord Romagna) ha dichiarato voto contrario associandosi alle considerazioni espresse da Ancisi e Santarella: “Sarà realizzato un insediamento commerciale decisamente ampio, del quale non si sentiva affatto il bisogno, data la presenza di molti altri”. Andrea Tarroni (Pd) ha dichiarato voto favorevole: “Ci troviamo di fronte a un’occasione da cogliere e riteniamo strategico andare avanti, anche se non dimentichiamo che parallelamente va mantenuta una forte attenzione alla sostenibilità e qualificazione del commercio al dettaglio. Inoltre va sottolineato che il privato dovrà realizzare la nuova accessibilità all’area, con la realizzazione di tre rotatorie e l’adeguamento di una, e cedere le aree interessate dalla realizzazione del by pass. Si tratta comunque di una scelta urbanistica da tempo consolidata e, per un corretto rapporto fra pubblico e privato investitore, è responsabile andare avanti”.

Alberto Ancarani (Forza Italia) ha dichiarato voto favorevole a partire dal fatto che, “al di là dei giudizi negativi sul consumo di suolo e sulle scelte urbanistiche dell’amministrazione, che condivido ma che non sono in discussione oggi, dobbiamo pensare che dietro a questo progetto ci sono imprese che hanno investito tempo e messo a rischio denaro per cercare di realizzare qualcosa, oltretutto in una fase economica molto peggiorata rispetto a quando le trattative sono state avviate”. Nereo Foschini (Ncd) ha dichiarato voto favorevole dicendo che “oggi votiamo un accordo propedeutico all’approvazione finale del Pua; si tratta di un atto tecnico dovuto, che nulla ha a che fare con i contenuti del Pua stesso, né tanto meno con le scelte di programmazione urbanistica dell’Amministrazione, non in discussione in questa sede”. Maurizio Bucci (gruppo misto) ha dichiarato voto favorevole dicendo che, “a parte il fatto che si tratta di un atto dovuto, se si vota contro come si può poi chiedere agli imprenditori di venire a investire a Ravenna? Parliamo di un investimento di privati, impegnati da molti anni, che creerà lavoro e sviluppo. Mortificare l’iniziativa di un privato significa mortificare la libera concorrenza”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Passi avanti per l'area commerciale "De Andrè – viale Europa"

RavennaToday è in caricamento