Area verde intitolata a Teresa Gamba che fu l'amante di Lord Byron

Nel corso di una cerimonia pubblica in programma sabato alle 16, l'area verde alla quale si accede da via Mura di San Vitale sarà intitolata a Teresa Gamba (Ravenna 1800 - Firenze 1873).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso di una cerimonia pubblica in programma sabato alle 16, l’area verde alla quale si accede da via Mura di San Vitale sarà intitolata a Teresa Gamba (Ravenna 1800 - Firenze 1873).
Saranno, tra gli altri, presenti il vicesindaco Giannantonio Mingozzi, Fulvia Missiroli in rappresentanza del Soroptimist International Club, il presidente della Cassa di Risparmio di Ravenna spa Antonio Patuelli e l’assessore ai Servizi demografici Massimo Cameliani.
La cerimonia si terrà nelle pertinenze del negozio La Rêverie – Storie di frutta, in via Mura di San Vitale 11, che si ringrazia per la collaborazione.
Teresa Gamba sposò nel 1818 il quasi sessantenne conte Alessandro Guiccioli. Nel 1819 conobbe a Venezia George Gordon Byron, di cui divenne l’amante e che avrebbe voluto seguire anche in Grecia. Nel 1851 sposò il marchese di Boissy. In “Lord Byron jugé par les témoins de sa vie” (1868), tradotto in inglese nel 1869, raccolse una serie di opinioni e testimonianze favorevoli al poeta. Nella biblioteca Classense si conserva manoscritta una sua “Vie de Lord Byron en Italie”.
Nella targa che sarà scoperta durante la cerimonia di sabato si legge: “Bella, colta, elegante scrittrice di versi, Teresa Gamba, nata nel 1800 e sposata giovanissima all’anziano conte Guiccioli, apparteneva ad una nobile famiglia ravennate di ardenti patrioti e dall'ambiente familiare aveva assorbito forti sentimenti di patriottismo tanto da alimentare le idee libertarie di Byron, il poeta che fu suo amante, che per lei soggiornò a Ravenna e che le dedicò la ‘Profezia di Dante’, inno all’Italia del passato in confronto alla triste condizione di servitù presente”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico schianto all'incrocio: nell'impatto con un'auto muore sul colpo un centauro

  • Disperato dopo la separazione, costretto a svendere su internet anche l'aspirapolvere

  • Acquista una scultura per pochi euro e scopre di aver trovato un tesoro

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna si smarca dall'obbligo della mascherina all'aperto

  • Carambola sull'Adriatica, dopo il tamponamento lo scontro frontale: grave uno scooterista

  • Il forte vento mette in ginocchio gli alberi, due auto travolte dai tronchi precipitati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento