Arrestato malvivente condannato per una rapina in villa e tentato omicidio

In una sola macchina ferma al McDonald's c'erano 4 malviventi: tutti con numerosi precedenti di polizia, e soprattutto con il record di 133 nomi falsi

Foto Massimo Argnani

In una sola macchina ferma al McDonald's c'erano 4 malviventi: tutti con numerosi precedenti di polizia, e soprattutto con il record di 133 alias tra tutti e quattro, vale a dire 133 nomi falsi per sole 4 persone. La figura di maggior spicco di questi è un 35enne che ha quasi 9 anni di carcere da scontare per condanne passate in giudicato. E' stato quindi un servizio perlustrativo, sui nomadi in transito, molto proficuo quello realizzato dai carabinieri  del Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Cervia – Milano Marittima. E' stato quindi arrestato un 35enne croato, in Italia senza fissa dimora  e pluripregiudicato.

Tutto è partito quando i militari hanno proceduto al controllo di alcuni mezzi in uso a nomadi in sosta nel parcheggio antistante  al Mc Donald’s di Mirabilandia. In particolare, a bordo di un’Alfa Romeo si trovavano 4 uomini che, portati in caserma, all’esito degli accertamenti fotodattiloscopici, sono stati identificati: un 38enne, nomade italiano con 53 alias, un 18enne, italiano nomade con già 11 alias, nonché un nomade croato 17enne (per lui 12 alias) ed , appunto il 35enne croato (57 alias),  tutti gravati da numerosissimi precedenti penali e di polizia, soprattutto per reati contro la persona ed il patrimonio, per fatti avvenuti in Lombardia, Veneto e Piemonte.

I primi tre sono nomadi stanziali nei campi nomadi dell’hinterland milanese (Muggiano e Baranzate di Bollate). Il 35enne è risultato gravato da due provvedimenti di cattura tuttora pendenti, tra cui un ordine di carcerazione emesso nel 2014 a Venezia, dovendo espiare la pena di 8 anni, 1 mese e 20 giorni di reclusione per concorso nei reati di tentata rapina aggravata, tentato omicidio, lesioni personali aggravate e ricettazione di armi, commessi nelle province di Padova e Rovigo nel 2000. Per questo provvedimento era stato spiccato mandato di arresto europeo, per la estradizione qualora fosse stato rintracciato in un paese dell’UE. Inoltre deve espiare una pena di 8 mesi di reclusione per il reato di evasione commesso nella provincia di Rovigo nel 2006.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’uomo è uno dei tre malviventi implicati nel sanguinoso assalto perpetrato la sera del 12 marzo del 2000 alla villa di un noto commerciante d’abbigliamento di Monselice.  Il commerciante venne raggiunto da un colpo d’arma da fuoco, mentre la sua compagna fu trascinata e percossa. In quelle concitate fasi, il commerciante corse a prendere il fucile da caccia sparando alcuni colpi. Uno dei rapinatori venne ucciso ed un altro ferito. Per questo fatto furono arrestati e condannati in primo grado tre nomadi di etnia slava, accusati di tentata violazione di domicilio, tentata rapina, violenza privata, tentato omicidio e lesioni aggravate, ricettazione delle pistole usate nell’occasione e porto illegale delle stesse. Le perquisizioni personali e veicolari si concludevano con esito negativo. Il minorenne straniero, invece, è stato accompagnato in una casa famiglia di Ravenna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento