Denuncia lo smarrimento dei documenti: era ricercato e finisce in carcere

L'uomo, presentatosi al comando per denunciare lo smarrimento documenti, attraverso una verifica nella banca dati delle forze di polizia, è risultato colpito da un ordine di cattura

I Carabinieri della Stazione di Savio hanno arrestato un 43enne marocchino, residente nel milanese, già noto alle forze dell'ordine. L’uomo, presentatosi al comando per denunciare lo smarrimento documenti, attraverso una verifica nella banca dati delle forze di polizia, è risultato colpito da un ordine di cattura. Infatti era stato condannato dal Tribunale di Monza a sette mesi per reati contro il patrimonio. Completate le formalità di rito, è stato associato nel carcere di Ravenna a disposizione della magistratura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico schianto all'incrocio: nell'impatto con un'auto muore sul colpo un centauro

  • Disperato dopo la separazione, costretto a svendere su internet anche l'aspirapolvere

  • Acquista una scultura per pochi euro e scopre di aver trovato un tesoro

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna si smarca dall'obbligo della mascherina all'aperto

  • Il forte vento mette in ginocchio gli alberi, due auto travolte dai tronchi precipitati

  • Un quarto d'ora maledetto: motociclista rovina in terra, soccorso in gravi condizioni dall'elicottero del 118

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento