Nuovi guai dopo la rissa: si aprono le porte del carcere per un 36enne

L'individuo, un nullafacente marocchino di 36 anni, è finito nel mirino dei Carabinieri di Savio giovedì pomeriggio

Era stato arrestato per rissa il 10 marzo scorso dopo un parapiglia nei pressi di un noto bar di Savio (nel corso del quale ha riportato delle lievi lesioni), con la misura cautelare del divieto di dimora nel ravennate su disposizione del giudice. L'individuo, un nullafacente marocchino di 36 anni, è finito nel mirino dei Carabinieri di Savio giovedì pomeriggio poichè colpito da un'ordine di carcerazione. Gli uomini dell'Arma, accertata sistematica violazione delle misura cautelare, hanno chiesto al giudice l’aggravamento del provvedimento, individuandolo ed arrestandolo mentre nei pressi della stazione ferroviaria di Lido di Savio. Ora è in carcere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza "cintura": si varcano i confini dei comuni solo per motivi strettamente necessari

  • Anziano fermato in un controllo 'anticoronavirus': "Io continuo a fare quello che mi pare"

  • Coronavirus, la crescita non si ferma: 22 nuovi casi e 3 decessi nel ravennate

  • Coronavirus, pesante aumento nel ravennate: 64 nuovi contagiati e un decesso

  • Trema la terra: avvertita una scossa di terremoto a Cervia

  • Le fiamme si liberano alte in cielo: incendio in un capanno in zona Isola degli Spinaroni

Torna su
RavennaToday è in caricamento