rotate-mobile
Cronaca

Pretendevano denaro dalle imprese sulle quali vigilavano: arrestati due funzionari

Avrebbero preteso denaro e utilità di ogni genere dalle imprese sulle quali avrebbero dovuto vigilare nell'esecuzione di opere destinate a fornire servizi pubblici ai cittadini

Concussione e induzione indebita: avrebbero preteso denaro e utilità di ogni genere dalle imprese sulle quali avrebbero dovuto vigilare nell'esecuzione di opere destinate a fornire servizi pubblici ai cittadini. Dalle prime ore di venerdì mattina i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ravenna stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari di Ravenna nei confronti di due funzionari, indagati per concussione e induzione indebita a dare o promettere utilità.

Il provvedimento cautelare è stato adottato sulla scorta delle risultanze delle indagini svolte dalle Fiamme gialle della compagnia di Faenza, coordinate dalla Procura della Repubblica di Ravenna, che avrebbero messo in luce svariati episodi illeciti posti in essere dai due arrestati, i quali sarebbero stati soliti procurarsi somme di denaro, beni e altre utilità dagli imprenditori incaricati dell’esecuzione di opere destinate a fornire servizi pubblici alla collettività.

"Pretendevano mazzette e lavori dalle imprese in appalto": arrestati due funzionari, Hera li sospende

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pretendevano denaro dalle imprese sulle quali vigilavano: arrestati due funzionari

RavennaToday è in caricamento