Tenta di uccidersi: poi trova il coraggio e fa arrestare il suo strozzino

E' la vicenda che vede protagonista suo malgrado un commerciante faentino cinquantenne

Aveva pensato lo scorso febbraio di togliersi la vita col gas di scarico della sua auto. Poi ha desistito guardando la foto della figlia, raccontando la sua drammatica storia ai Carabinieri, trovando il coraggio di denunciare un usario che lo tampinava da circa quattro anni con richieste di denaro. E' la vicenda che vede protagonista suo malgrado un commerciante faentino cinquantenne. Le indagini sono state seguite dagli uomini dell'Arma della Compagnia di Faenza, guidati dal capitano Cristiano Marella, e dai militari del Nucleo Provinciale. Il faentino, alle prese con difficoltà economiche, si era rivolto allo strozzino, incassando una somma di denaro necessaria per ripianare alcuni debiti.

L’ipotesi di sistemare tutto con i soldi ottenuti più volte in prestito nel corso dei mesi, fino ad arrivare a circa 27mila euro complessive, purtroppo si è rivelata un’arma a doppio taglio. I soldi già restituiti all’usuraio a rete mensili sono diventati quasi il doppio della cifra prestata. Ma ancora non bastavano all’usuraio che, fino alla fine dell’anno, aveva fissato una rata di duemila euro al mese per estinguere definitivamente il debito, sotto la minaccia di incassare un assegno in bianco che all’inizio del loro "rapporto" il commerciante gli aveva dato a titolo di garanzia.

Il commerciante, provato dalla situazione, ha tentato di uccidersi. Ma la foto della figlia gli ha dato una nuova speranza: denunciati i fatti, i Carabinieri hanno svolto attività tecniche, accertamenti bancari nonché numerosi pedinamenti per accertare la veridicità della segnalazione. Dopodiché hanno organizzato un blitz all’ennesimo appuntamento fra commerciante e strozzino, un 38enne di Castel Bolognese. La "trappola" è scattata venerdì mattina: quando i militari dell’Arma sono intervenuti, l’usuraio aveva in tasca 600 euro in contanti appena ricevuti dalla vittima quale “anticipo” della rata mensile di 2000 euro che evidentemente non era riuscito ad onorare.

Per il 38enne, che da pochi giorni aveva aperto un'attività lavorativa a Castel Bolognese, sono scattate le manette e si trova ora ristretto in Carcere a Ravenna, dopo la convalida del giudice avvenuta martedì mattina. Nel corso dell’operazione, che è stata coordinata da un “pool” di magistrati composto dal Procuratore capo Alessandro Mancini insieme ai sostituti Daniele Barberini ed Antonio Vincenzo Bartolozzi, i Carabinieri hanno trovato in casa del 38enne 4300 euro in contanti.

Inoltre aveva nascosto nella cassaforte di un suo parente stretto, all’insaputa di lui, numerosi assegni in bianco con la firma di altre presunte vittime di usura, alcune già identificate poiché suoi amici d'infanzia e conoscenti da lunga data che gli avevano chiesto aiuto trovandosi in grave stato di bisogno. Insieme agli assegni, è stato trovato un foglio che fungeva da “libro mastro” dell’usuraio con tutti i nomi e le cifre di altre persone che gli devono dei soldi, fra cui il commerciante faentino, per un “giro d’affari” di centinaia di migliaia di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

M.A.03(3)-2-2M.A.01(3)-2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Dramma sui binari: muore investito da un treno

  • Maxi festino nascosti in casa tra assembramenti e droga: 34 ragazzi nei guai

  • Travolto mentre attraversa in pieno centro: portato in ospedale in elicottero

  • A 26 anni 'sfida' il Covid e apre una pizzeria: "Faremo una pizza 'diversamente napoletana'"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento