Commando assalta il distributore con una ruspa. Il colpo riesce a metà: fuga a folle velocità

Il piano è scattato poco prima delle 2.30. La prima fase prevedeva il furto di una pala meccanica, avvenuto in un'azienda di Ponte Nuovo

A vista d'occhio l'effetto è quello del passaggio di un uragano. E solo il tempestivo intervento delle Volanti della Polizia di Stato ha scongiurato il peggio. C'è un piano elaborato nei minimi dettaglio dietro all'assalto compiuto nel cuore della nottata tra lunedì e martedì all'area di servizio "Q8" lungo la Statale Adriatica, situato al chilometro 155+750 nord, tra gli svincoli della Classicana e quello per la Dismano, all'altezza di Classe. Un colpo eseguito da più persone, tutte col volto incappucciato.

Il piano è scattato poco prima delle 2.30. La prima fase prevedeva il furto di una pala meccanica, avvenuto in un'azienda di Ponte Nuovo. Attraversando i campi, il mezzo è giunto all'area di servizio, esclusivamente self servizi. E qui è scattata la "fase 2": il commando, sfruttando la ruspa come ariete, ha sradicato una delle colonnine automatiche con le quali è possibile pagare il carburante, portando via il contante che si trovava all'interno (il bottino è ancora in fase di quantificazione). Qualcuno in transito in quel momento ha notato l'insolita scena ed ha allertato il numero d'emergenza unico 112.

Pochissimi minuti e le luci blu delle Volanti della Polizia di Stato erano già sull'epicentro dell'assalto, stoppando così le intenzioni dei banditi, evitando allo stesso tempo danni ben peggiori. I malviventi, sentendo il fiato sul collo delle divise, sono fuggiti via a tutta velocità, presumibilmente a bordo di un furgone bianco. Immediatamente è partita la caccia all'uomo, alla quale hanno partecipato anche i Carabinieri della Compagnia di Ravenna. Ma dei ladri nessuna traccia.

All'alba l'area di servizio sembrava esser stata attraversata da un uragano: nel raggio di pochi metri i resti della irriconoscibile colonnina self service, tagliata in più parti, e dei mattoni del marciapiede sfondato. Martedì mattina gli agenti della Polizia Scientifica erano alla ricerca di tracce lasciate dal commando. Sul numero preciso dei componenti della banda sono in corso le indagini della Squadra Mobile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre passeggia nota un'auto nel fiume: a bordo non c'era nessuno

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Schianto contro un albero: perde la vita un giovane di 22 anni

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Bonaccini: "Emilia-Romagna zona gialla da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Vivere in montagna, l'opportunità diventa realtà per 341 giovani coppie e famiglie

Torna su
RavennaToday è in caricamento