Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Cotignola

L’assessore regionale Costi in visita al Maria Cecilia Hospital: "Un ospedale all’avanguardia"

Un incontro di reciproca conoscenza che rientra nell’ambito di quanto emerge della Legge 14, con la quale la Regione, attraverso l’iter dei bandi, promuove progetti di ricerca fortemente innovativi creando opportunità imprenditoriali e occupazionali sul territorio

L’assessore regionale alle attività produttive Palma Costi, ha fatto visita a Maria Cecilia Hospital di Cotignola. Un incontro di reciproca conoscenza che rientra nell’ambito di quanto emerge della Legge 14, con la quale la Regione, attraverso l’iter dei bandi, promuove progetti di ricerca fortemente innovativi creando opportunità imprenditoriali e occupazionali sul territorio. "Il mio assessorato pone molta attenzione ai temi della Scienza della vita – ha spiegato Palma Costi, assessore alle Attività produttive della Regione, durante la sua visita a Maria Cecilia Hospital. – In questo ambito vogliamo comprendere le reali opportunità di collegamento in contesti veramente innovativi, per questo siamo a disposizione per eventuali rapporti e raccordi su progettualità che possono essere condotte congiuntamente. Con Gvm scopro un Gruppo operante nel campo della salute e di tutto ciò che è connesso ad essa. Un centro all’avanguardia sia per l’attenzione alle tecnologie, sicuramente importanti, sia per il benessere del paziente e l’attenzione mostrata al personale che vi opera”.

Accompagnata dal management del Gruppo e dal presidente dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna Luca Piovaccari (sindaco di Cotignola), durante la visita all’ospedale, l’assessore Palma Costi, ha potuto conoscere e approfondire i tratti distintivi di GVM: ricerca, innovazione e una forte attenzione alla persona. “Attraverso la Legge 14 – ha continuato l’assessore Costi -  vogliamo stimolare le imprese già insediate sul territorio, o che intendono stabilirsi in Regione, affinché promuovano ambizioni ulteriori rispetto ai temi della ricerca e dell’innovazione. Noi chiediamo di operare all’interno dei settori della specializzazione intelligente tra cui, appunto, Scienza della vita, offrendo loro l’opportunità di attivarsi in termini di nuovi prodotti, processi e metodologie. Tutto ciò deve però comportare maggiore occupazione, soprattutto qualificata. Quelle che noi finanziamo sono la ricerca industriale e l’innovazione. E questa è la parte sulla quale un grande Gruppo come Gvm Care & Reserach può, se ritiene, avanzare progetti di ricerca secondo le caratteristiche previste dalla legge. “È stato da poco chiuso un bando – ha concluso l’assessore regionale - con un impegno finanziario di 40 milioni di euro; ne abbiamo già aperto un altro e chiaramente adegueremo le risorse, oltre che sulla base delle nostre possibilità, anche rispetto alla capacità delle stesse realtà di produrre o proporci progettualità di alta qualità”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’assessore regionale Costi in visita al Maria Cecilia Hospital: "Un ospedale all’avanguardia"

RavennaToday è in caricamento