Cronaca

Assunti per diventare manager, impiegati nel porta a porta: 100 ragazzi truffati, multa da mezzo milione di euro

I dipendenti venivano reclutati attraverso inserzioni su vari siti internet in cui si prospettava loro una rapida crescita professionale e una possibile carriera da manager aziendale

Un centinaio di lavoratori non in regola. I reparti del comando provinciale della Guardia di Finanza di Ravenna hanno eseguito nei giorni scorsi un piano di controlli per verificare la regolarità dell’impiego dei lavoratori da parte di aziende che offrono servizi al pubblico. Le ispezioni hanno riguardato una serie di locali del litorale molto frequentati dalla “movida” ravennate, nonché altre attività commerciali oggetto di segnalazioni pervenute al numero di pubblica utilità 117 o tramite esposti presentati direttamente presso le caserme di Ravenna e Cervia.

In particolare, nel primo intervento i militari della prima compagnia di Ravenna hanno proceduto ad accedere nei locali dove una ditta organizzava il lavoro di decine di ragazzi utilizzati per la vendita “porta a porta” di articoli per la casa, tra cui stuoie, cuscini, depuratori d’aria, macchine e cialde per caffè. I dipendenti, per la maggior parte ragazzi appena maggiorenni di nazionalità italiana, venivano reclutati attraverso inserzioni su vari siti internet in cui si prospettava loro una rapida crescita professionale e una possibile carriera da manager aziendale. In realtà lo scenario lavorativo cambiava drasticamente già al primo colloquio, quando i candidati si vedevano proporre un’attività di vendita a domicilio di prodotti di vario genere con l’illusione comunque di facili e crescenti guadagni all’aumentare della clientela procacciata.

I ragazzi venivano quindi indotti a sottoscrivere una scrittura privata in cui venivano nominati “incaricati alle vendite” in veste di lavoratori occasionali, mentre di fatto svolgevano mansioni proprie di un lavoratore dipendente, non avendo alcuna autonomia gestionale della propria attività dal momento che dovevano partecipare quotidianamente a un meeting illustrativo obbligatorio, nel quale venivano impartite specifiche direttive non solo in ordine alle tecniche di vendita da adottare, ma anche alla pianificazione delle visite domiciliari da svolgere. Peraltro la gran parte della clientela veniva principalmente individuata tra parenti e amici dei neo-assunti che, una volta esaurita la platea dei loro conoscenti, venivano in qualche modo allontanati e sostituiti con nuova forza lavoro secondo un piano preordinato di network marketing. Un giro vorticoso di ragazzi illusi e sfruttati per brevi periodi attraverso lo schermo giuridico di un rapporto fittizio di collaborazione occasionale, attestato da mere lettere di incarico prive di data certa e neanche comunicate all’Agenzia delle Entrate, eludendo così gli obblighi di legge in materia fiscale, previdenziale ed assistenziale.

Preso atto del sistema adottato i finanzieri, tramite numerose interviste ai dipendenti e l’esame della copiosa documentazione extracontabile rinvenuta presso la sede aziendale, sono quindi riusciti a ricostruire un elenco di ben 94 ragazzi impiegati dal 1 gennaio 2020, riqualificando il rapporto di lavoro in lavoro dipendente e contestando al titolare della ditta una “maxi sanzione” che in questo caso, essendo calcolata sulla base del numero complessivo di dipendenti impiegati irregolarmente, è arrivata alla cifra di oltre 450.000 euro, pagabile in forma ridotta in caso di adesione al verbale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assunti per diventare manager, impiegati nel porta a porta: 100 ragazzi truffati, multa da mezzo milione di euro

RavennaToday è in caricamento