Asta congiunta per terreni agricoli del comune e immobili dell’Azienda Marani

L’asta pubblica si terrà il 20 ottobre alle 9 in municipio. Possono partecipare alla gara enti pubblici, enti privati, società e persone fisiche

Scadono alle 12.30 del 19 ottobre i termini per la presentazione delle offerte relative all’acquisizione dei terreni agricoli e degli immobili confinanti di via Romea Nord messi congiuntamente all’asta dal Comune e dall’azienda agraria sperimentale Mario Marani, a partire da un prezzo base complessivo di 2,1 milioni così determinato: per i terreni di proprietà comunale 1,6 milioni, per gli immobili della Marani 500mila euro.

Terreni e immobili (due fabbricati con relativa corte) coprono in tutto una superficie di poco più di 46 ettari (42 i terreni di proprietà comunale, denominati “Stabbiale”, attualmente in affitto alla stessa Marani; 4 gli immobili di quest’ultima). L’asta pubblica si terrà il 20 ottobre alle 9 in municipio. Possono partecipare alla gara enti pubblici, enti privati, società e persone fisiche.

Massimo Cameliani, assessore alle Attività produttive, auspica una buona partecipazione, sottolineando il duplice risultato positivo che la vendita può portare con sé: “Da un lato il Comune otterrà una liquidità da destinare alle proprie attività, quindi in favore dei bisogni dei cittadini, vendendo un patrimonio non strategico all’assolvimento delle sue funzioni quale un terreno agricolo, che può risultare senz’altro appetibile sia considerando la notevole espansione delle aziende agricole verificatasi negli ultimi tre anni, come si legge in una recente pubblicazione del Censis, sia il fatto che il terreno viene venduto insieme ai due fabbricati".

"D’altro canto la Marani, che è un ente di ricerca attivo da quasi novant’anni, con elevate competenze al proprio interno, conosciuto e apprezzato a livello nazionale, avrà la possibilità di risolvere i suoi problemi finanziari e rilanciare la propria attività, su terreni che rimarranno di sua proprietà - conclude Cammeliani -. Potrebbe ad esempio ampliare il proprio raggio d’azione con la trasformazione in Fondazione, che le consentirebbe di lavorare anche con privati, prevedendo accanto alla ricerca in campo agricolo iniziative più diffuse di valorizzazione di colture tipiche locali, legandole al turismo e alla ristorazione”. L’avviso di gara integrale è scaricabile dal sito www.comune.ra.it (alla voce “Aree Tematiche” - sottovoce “Bandi e Concorsi”, quindi selezionare “Bandi di gara”, poi “Aste Immobiliari” e “Bandi in pubblicazione”).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Tommaso Sintini, ex pallavolista e veterinario: "Una bontà fuori dal comune"

  • Drammatico tamponamento mortale, il disperato volo dell'elicottero non riesce a salvargli la vita

  • Una giovane stilista romagnola conquista il principe Carlo con i suoi abiti

  • Il Coronavirus strappa alla vita un 50enne: 130 nuovi casi nel ravennate

  • Parrucchieri, estetisti, gommisti fuori dal proprio Comune: si possono raggiungere?

  • Critiche sui social all'attrice lughese scelta da Gucci

Torna su
RavennaToday è in caricamento