rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022
Cronaca

Attivato il servizio di supporto ai caregiver di persone malate, disabili o non autosufficienti

Si tratta di un servizio informativo, di orientamento e di supporto dedicato a chi si prende cura, in modo volontario e gratuito, di persone malate o disabili, con limitata autonomia e non autosufficienti

E’ stato attivato il servizio di supporto ai caregiver familiari nei Comuni di Ravenna, Cervia e Russi (distretto di Ravenna). Si tratta di un servizio informativo, di orientamento e di supporto dedicato a chi si prende cura, in modo volontario e gratuito, di persone malate o disabili, con limitata autonomia e non autosufficienti, e rientra nell’ambito di un progetto regionale che si pone l’obiettivo di valorizzare il ruolo dei familiari, i quali, subendo lo stress che spesso ne deriva, hanno a loro volta necessità di orientamento e sostegno.

Per la legge la figura del caregiver è rappresentata da uno dei coniugi o dei conviventi dell’unione civile, da un familiare o da un affine entro il secondo grado, o, in casi determinati, da un familiare entro il terzo grado che si prende cura e assiste persone che, a causa di malattie, infermità o disabilità, anche croniche e degenerative, non siano autosufficienti e in grado di prendersi cura di sé, siano riconosciuti invalidi in quanto bisognosi di assistenza globale e di lunga durata o siano titolari di indennità di accompagnamento.

Tra gli interventi previsti il sostegno domiciliare (visite settimanali o bisettimanali di alcune ore, a cura di personale qualificato, al domicilio della persona assistita, week end di sollievo, settimane di sollievo, ecc.), il sollievo residenziale o semi residenziale (accoglienza temporanea di sollievo dell’assistito in una struttura residenziale o semi residenziale), il sostegno economico (assegno di cura anziani, assegno di cura per grave e gravissima disabilità, contributo aggiuntivo per assistente familiare, ecc.); è previsto inoltre un servizio di supporto psicologico in favore del caregiver e di consulenza infermieristica e riabilitativa in favore del familiare. Nell’attivazione degli interventi di sostegno sarà data priorità, tra l’altro, ai caregiver di persone in condizione di disabilità gravissima o di coloro che non hanno avuto accesso alle strutture residenziali a causa delle disposizioni normative emergenziali, comprovata da idonea documentazione.

Per poter accedere al servizio la Regione Emilia Romagna ha stabilito, con appositi atti, la formalizzazione del ruolo di caregiver attraverso uno strumento denominato “Scheda di riconoscimento del caregiver familiare” che, per il distretto di Ravenna (Comuni di Ravenna, Cervia e Russi) si può sottoscrivere compilando l’autodichiarazione reperibile al link Scheda di riconoscimento del caregiver familiare. La compilazione e l’inoltro dell’autodichiarazione permettono di accedere al servizio di informazione, consulenza, orientamento, supporto e sollievo, dedicato ai caregiver familiari.

Una volta trasmessa l’autodichiarazione, la referente contatterà la persona per un primo colloquio valutativo finalizzato ad approfondire la situazione e verificare l’opportunità di attivare un intervento assistenziale appropriato alle esigenze della persona. L’autodichiarazione, compilata in ogni sua parte e debitamente sottoscritta, deve essere inviata all’indirizzo e-mail caregiver@comune.ra.it. Referente del progetto è Silvia Casanova che può essere contattata allo 0544.482550 oppure tramite la mail caregiver@comune.ra.it L’ufficio risponde dal lunedì al venerdì dalle 11 alle 13 e il giovedì pomeriggio dalle 15 alle 17. Per ogni ulteriore approfondimento collegarsi al link https://bit.ly/3Un4Asz. Il servizio è stato attivato sia per i caregiver residenti nei Comuni di Ravenna, Cervia e Russi sia per i caregiver non residenti che assistono persone residenti nei Comuni di Ravenna, Cervia e Russi (Distretto di Ravenna).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attivato il servizio di supporto ai caregiver di persone malate, disabili o non autosufficienti

RavennaToday è in caricamento