menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

I libri della Classense vanno "in ferie" sulle spiagge di Ravenna

Dalla Classense oltre 800 libri di tutti i generi sono approdati in undici stabilimenti balneari per il progetto "Una spiaggia che legge è una bella storia"

L'istituzione biblioteca Classense, nell'ambito delle attività di promozione della lettura in vari luoghi della città, ha ideato il progetto “Una spiaggia che legge è una bella storia” per portare direttamente negli stabilimenti balneari libri a disposizione delle persone che li frequentano. Dalla Classense oltre 800 libri di tutti i generi, dal thriller al romanzo sentimentale, passando per qualche classico italiano, sono approdati in undici stabilimenti balneari che hanno accolto positivamente la proposta. Grazie al coordinamento della biblioteca Classense, che ha curato scelta, consegna dei libri e campagna promozionale, i bagni aderenti diventano così "promotori della lettura". Da sabato i clienti dei bagni Ai Tamerici, Hana Bi, Paradiso, Singita, Sottomarino, Toto e Zanzibar di Marina di Ravenna ed Ettore, Nariz, Nautilus e Perla di Punta Marina possono prendere in prestito i libri della Classense e riconsegnarli dopo la lettura. Oltre ai libri, gli stabilimenti balneari hanno ricevuto il bollino di qualità "Una spiaggia che legge è una bella storia" a testimoniare che la lettura rappresenta una risorsa strategica su cui investire e un valore sociale da sostenere attraverso un’azione coordinata e congiunta tra i diversi protagonisti presenti sul territorio.

"Anche attraverso progetti come Una spiaggia che legge, e sperimentando nuovi e sempre più numerosi approcci alla promozione della lettura, è possibile avvicinare chi non legge per allargare la base dei lettori abituali", commenta Maurizio Tarantino, direttore della Biblioteca Classense. Ravenna, grazie al progetto “In vitro” promosso dal Centro per il libro e la lettura, attraverso il patto locale per la lettura, è impegnata a unire gli sforzi, i mezzi e le iniziative per favorire l’aumento degli indici di lettura. Anche per questo Il Centro per il libro e la lettura, insieme all’Anci (Associazione nazionale comuni italiani), ha riconosciuto alla nostra città nel 2017 la qualifica di “Città che legge”. Il progetto “Città che legge” mira a rendere la lettura un bene comune, ovvero un bene specifico condiviso da tutta la comunità, utilizzato da più soggetti e quindi una risorsa indispensabile al benessere degli individui. L'impegno del comune di Ravenna su questi temi prosegue con le molteplici iniziative legate al programma “Nati per leggere”, che promuove la diffusione e la pratica della lettura in famiglia fin dalla primissima infanzia, anche attraverso il dono del libro ai nuovi nati.

Continua a leggere ===> Torna “Un bagno di libri” in 9 stabilimenti di Marina di Ravenna, Punta Marina e Casalborsetti

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento