menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Auto sospette fanno "sosta" nei Lidi e nascondono in un parco mezzo chilo di eroina

Dopo un prolungato pedinamento i militari hanno sorpreso l’albanese e uno dei tre tunisini defilarsi in un’area verde della frazione di Punta Marina

Prosegue senza interruzione la lotta allo spaccio da parte dei Carabinieri della Compagnia di Ravenna. Giovedì pomeriggio i Carabinieri della Stazione di Via Alberoni, durante i controlli su strada, hanno riconosciuto un 33enne nigeriano gravato dal divieto di dimora nella provincia di Ravenna. Dopo un breve pedinamento, i militari ne hanno individuato il domicilio, nel quale hanno fatto irruzione rinvenendo così 80 grammi di marijuana. L’uomo è stato tratto in arresto con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio.

Giovedì sera, invece, i militari delle Stazioni di Lido Adriano e Marina di Ravenna durante i controlli su strada hanno scovato due mezzi i cui occupanti, un albanese sul primo e tre tunisini sul l’altro, destavano molto sospetto. Dopo un prolungato pedinamento i militari hanno sorpreso l’albanese e uno dei tre tunisini defilarsi in un’area verde della frazione di Punta Marina e occultare qualcosa nei pressi di un aiuola. I Carabinieri hanno così recuperato quel pacchetto nascosto, che conteneva ben 525 grammi di eroina, e hanno arrestato con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio il 26enne albanese e i tre tunisini di 39, 37 e 31 anni, già noti alle forze dell'ordine e gravitanti in provincia.

Per arrivare ad identificare gli autori dei reati i militari della Compagnia di Ravenna stanno esprimendo il massimo sforzo: solo giovedì sono state infatti controllate complessivamente 138 persone e 97 autovetture. Oltre alla finalità primaria del servizio, l’operato dell’Arma si esprime anche in termini di deterrenza e controllo alla circolazione stradale. Ogni giorno le pattuglie dell’Arma identificano e controllano centinaia di persone nell’ambito di tutta la provincia; la proiezione esterna e la presenza tra la popolazione ha come obiettivo primario quello di essere presenti tra la gente, per scoraggiare chiunque abbia intenzioni criminali e fornire una rapida risposta a chiunque dovesse averne bisogno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento