menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ballerini da tutto il mondo per la Maratona di tango di 50 ore

La formula dell'evento è sempre la stessa: la “maratona di tango” è un evento in cui persone che spesso non si conoscono si ritrovano per ballare

Successo per la maratona internazionale di tango che è tornata a Ravenna nel fine settimana di San Valentino. Dal 13 al 17 febbraio la città ha ospitato la terza edizione di "Teodora tango marathon". La manifestazione, organizzata e promossa dall’associazione sportiva asd Artemusica Tango in collaborazione con l’assessorato al turismo del Comune di Ravenna, ha raccolto nella nostra città ballerini provenienti da tutto il mondo.

La formula dell'evento è sempre la stessa: la “maratona di tango” è un evento in cui persone che spesso non si conoscono si ritrovano per ballare, intendendo l'incontro non come una gara ma semplicemente un tempo lungo per ballare e socializzare (50 ore di ballo nei 5 giorni di evento). Gli organizzatori esprimono soddisfazione per l'esito dell'evento e per la qualità delle partecipazioni (oltre 500 ballerini partecipanti e provenienti da 29 diversi paesi fra cui Europa, Argentina, Russia, Canada, Stati Uniti, Turchia). Soddisfazione per la calorosa accoglienza che i ballerini ravennati e italiani hanno dedicato agli amici stranieri.

Apprezzato il programma e le novità 2020 - non solo la maratona alle Artificerie Almagià ma anche la serata pre-marathon a Palazzo Rasponi dalle Teste, il tango nei luoghi della città (Stazione dei treni, piazza del Popolo e via Cavour), gli aperitivi tango e la serata post-marathon al Mercato Coperto. I partecipanti hanno goduto di cinque giorni di intenso ballo, ma hanno anche saputo cogliere l’occasione, orientati e guidati, per visitare la città, le sue bellezze artistiche e architettoniche, gustare la sua gastronomia.

4 TEODORA 2020_n-2

TEO 1 ELVIS_n-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento