Bar e ristoranti chiusi da mezzanotte alle 5: nuove regole anche per l'asporto

E’ quanto precisa una ordinanza firmata dal presidente della Regione, che recepisce quanto stabilito dal dpcm del Governo 13 ottobre

Le attività di somministrazione di alimenti e bevande al pubblico, e quelle di ristorazione, consentite solo dalle 5 del mattino alla mezzanotte con consumo al tavolo. E dalle 5 del mattino fino alle 21 in assenza di consumo al tavolo. Inoltre, la consumazione sul posto o nelle adiacenze il punto vendita di alimenti e bevande da asporto vietata dopo le 21 e fino alle 5 del giorno seguente (mentre la vendita può avvenire senza limiti di orari).

E’ quanto precisa una ordinanza firmata dal presidente della Regione, che recepisce quanto stabilito dal dpcm del Governo 13 ottobre, Decreto nazionale che impone la chiusura delle suddette attività alla mezzanotte o alle 21, e lo stop al consumo sul posto di alimenti e bevande da asporto, non impendendo però sulla carta la ripresa delle medesime attività nei minuti o nelle ore successive. L’ordinanza regionale esclude invece questa possibilità. Il provvedimento è valido in Emilia-Romagna da sabato 17 ottobre e fino al 13 novembre (data fino alla quale rimarrà in vigore il dpcm). Le misure in esso previste non si applicano agli esercizi situati lungo le autostrade, negli interporti e nelle aerostazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cristiano dedica il suo 'brodetto che innamora' al marito e conquista i giudici di Masterchef

  • Tragico infortunio sul lavoro: muore operaio di 26 anni

  • Muore a 26 anni, l'appello: "Aiutateci a trovare una casa per le sue gatte"

  • Nuovo decreto: visite agli amici solo in due, niente asporto dopo le 18 per i bar e 'area bianca'

  • Carcasse di animali e 600mila euro in contanti nello studio: sequestro da 1 milione al veterinario

  • "Babbo, da dove viene la mia famiglia?": e lui ricostruisce 7 secoli di parenti in tutto il mondo

Torna su
RavennaToday è in caricamento