rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022
Cronaca Alfonsine

Bollette triplicate, la barista: "Tornata a lavoro dopo 9 giorni dal parto per tamponare le spese. Non andrò a votare"

Ha deciso di mostrare il suo dissenso contro il caro bollette rinunciando al diritto di voto alle prossime elezioni del 25 settembre. E' il caso di una 28enne titolare di un bar del ravennate

Ha deciso di mostrare il suo dissenso contro il caro bollette rinunciando al diritto di voto alle prossime elezioni del 25 settembre. E' il caso di una 28enne titolare del di un bar del ravennate, che intervistata dall'Agi ha raccontato i problemi che hanno messo in ginocchio anche la sua attività. Durante il periodo Covid, dice, "abbiamo tenuto duro tra chiusure e asporti. Poi a dicembre ho scoperto di essere incinta, sono venuta qua a lavorare e mi si sono rotte le acque a otto mesi qua al lavoro. A sei giorni di vita di mia figlia sono tornata di nuovo al lavoro, 9 ore al giorno, per cercare di tamponare le spese".

'Diciamo no al caro bollette', imprenditori in piazza per un sit-in di protesta: "Aumento insostenibile"

La barista come tanti altri imprenditori - pochi giorni fa vi abbiamo raccontato il caso del supermercato, a Longastrino, che rischia di chiudere - racconta di essere stata travolta dal caro bollette con importi praticamente triplicati, tanto che ha aderito all'iniziativa di Confcommercio e ha esposto le proprie bollette in vetrina. Sulla vetrata del bar si legge che per un mese di luce la titolare dovrà sborsare ben 1278,78 euro. "Quei soldi di un mese io li pagavo in due mesi e mezzo, tre mesi - lamenta la donna - una roba vergognosa. Oggi penso che stare chiusi al pomeriggio sarebbe meglio, però è un peccato. Tutti mi dicono "Se facevi il reddito di cittadinanza...". Io invece penso sarebbe giusto per quelli che hanno realmente bisogno, ma c'è un mucchio di gente che ne usufruisce per nulla. Io potevo già farlo due anni fa, e invece vengo qua a perdere soldi, perchè penso sia giusto avere un lavoro, ma poi arrivo a casa senza soldi, lavoro dieci ore al giorno, ho due figli, alla fine penso quasi di essere una stupida perchè avevo tutti i requisiti".

Il futuro per la 28enne sembra molto incerto, anche se la giovane imprenditrice non sembra intenzionata a demordere. "Proverò comunque ad andare avanti perchè sennò cosa faccio? - dice all'Agi - Cambiare attività? Non voglio, sono dieci anni che faccio questo lavoro, è il mio lavoro e mi piace, due anni fa ho aperto l'attività, perchè dovrei lasciare? Perchè ci sono bollette triplicate? E'assurdo. Chi fa politica dovrebbe mettersi le mani in tasca, facendo una proporzione con le nostre spese: non ho fiducia nella politica, non andrò a votare. Devono capire che c'è uno scontento, non so come spiegare, un clima che va cambiato".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bollette triplicate, la barista: "Tornata a lavoro dopo 9 giorni dal parto per tamponare le spese. Non andrò a votare"

RavennaToday è in caricamento