menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Barista faentino premiato dal talent come 'The Vero Bartender': "Il mio motto? Drink'n'roll"

Anche quest’anno la finale di The Vero Bartender ha premiato il migliore mixologist tra i circa 200 partecipanti al Talent

Anche quest’anno la finale di The Vero Bartender ha premiato il migliore mixologist tra i circa 200 partecipanti al Talent promosso da Amaro Montenegro. La giornata di martedì ha visto confrontarsi i 6 bartender finalisti, arrivati all’ultima sfida dopo aver superato un’intensa selezione e le due semifinali di Milano e Roma.

Ad aggiudicarsi il titolo di Vero Bartender 2018 è stato Michael Limoni. Originario di Faenza, Michael si è perfezionato nel settore con studi e seminari, fino a diventare Head Bartender al Cafè del Viale di Faenza. Per vincere ha dovuto confrontarsi con i 5 sfidanti di questa finale: Valerio Sordi, per gli amici Mezval, brianzolo di origini romane; Andrea Villani, nato in provincia di Ferrara; Mattia Cilia, siciliano; Giovanni Badolato, milanese; Mauro Cortese, originario di Napoli.

Il nuovo Vero Bartender 2018 è stato selezionato da una giuria composta da alcuni tra i massimi esponenti del settore: Matteo Bonoli, Master Herbalist di Amaro Montenegro, Daniele Gentili, cocktail Innovator di calibro internazionale, Stefano Nincevich, giornalista e “intenditore esperto di tutto ciò che fa bar” e Christian Costardi, chef “salato” del ristorante stellato Christian e Manuel. La prima prova della giornata è stata dedicata alla preparazione del “Twist On Classic”, quest’anno resa più impegnativa dalla contaminazione con l’alta gastronomia. Infatti, i partecipanti hanno dovuto presentare un cocktail che usasse almeno una delle erbe aromatiche alla base della ricetta di Amaro Montenegro, fosse ispirato a una tecnica culinaria applicata alla Mixology e avesse un garnish commestibile. Anche la prova conclusiva, la “Secret Box”, è stata ispirata all’alta cucina. A ogni finalista è stata consegnato un contenitore contenente un food side realizzato ad hoc dallo Chef, richiamando elementi della cucina regionale italiana con una o più erbe aromatiche alla base di Amaro Montenegro. I contendenti si sono ispirati a questo piatto per realizzare un drink originale, utilizzando gli ingredienti disponibili in un apposito Corner Shop.

Michael Limoni ha vinto con il cocktail “Monte Anelavo”, che gli aprirà le porte della grande Finale Global di Bologna, dove incontrerà gli altri 9 finalisti internazionali. Il vincitore sarà invitato a esibirsi dietro al prestigioso bancone del Bar Convent Brooklyn, il 12 e 13 giugno 2019. Michael, nato a Faenza, per diversi anni coltiva entrambe le passioni dello sport e della miscelazione. Poi, ispirato dalle figure del Bartending internazionale, si dedica al perfezionamento nel settore Bar con studi e seminari, fino a diventare Beverage Supervisor e Consulting per La Fenice Catering & Banqueting, e Head Bartender al Cafè del Viale di Faenza, che ha contribuito a trasformare in un locale di qualità con cucina a vista. Per continuare a crescere, esprime il suo spirito libero con il motto Drink'n'roll.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento