Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Barriere anti-terrorismo in centro tra soddisfazione e qualche dubbio

E' iniziata giovedì l'installazione delle barriere anti-terrorismo a protezione dei dodici accessi al centro storico

E' iniziata giovedì l'installazione delle barriere anti-terrorismo a protezione degli accessi al centro storico. L’intervento riguarda dodici accessi al centro: Porta Adriana accesso a via Cavour; viale Francesco Baracca accesso a piazzetta Ghandi; via di Roma accesso a via Diaz; piazza Garibaldi accesso a piazza del Popolo; via Ponte Marino accesso a via 4 Novembre; via Galla Placidia accesso a via San Vitale; piazza Garibaldi accesso a piazzetta Einaudi; via Ponte Marino accesso a via Gabbiani; via Ponte Marino accesso a via Salara; via Canneti accesso a piazza Arcivescovado; piazza Arcivescovado, via Guerrini accesso a via Raul Gardini.

Le barriere anti-terrorismo (foto Massimo Argnani)

Il provvedimento è stato assunto sulla scorta di quanto chiesto dal ministro dell’Interno Marco Minniti, che ha sollecitato tutti i prefetti e i comitati provinciali per l'ordine e la sicurezza pubblici a compiere un attento monitoraggio su eventi e iniziative già programmati sul territorio, come il Jfk square festival per cui in piazza Kennedy sono state installate delle barriere protettive già la scorsa settimana. "Tutto ciò al fine di garantire il massimo della sicurezza sia durante le manifestazioni che nei luoghi maggiormente sensibili della città - spiegano il sindaco Michele de Pascale e il vicesindaco con delega alla sicurezza Eugenio Fusignani - Tale piano prevede l’utilizzo degli strumenti tecnologici più efficaci e meno impattanti, come ad esempio i cosiddetti pilomat e, in questa fase preliminare transitoria, l’impiego di grandi fioriere. Pensiamo a dispositivi adeguati al contesto di grande bellezza del nostro centro. Visto il ricchissimo calendario di eventi e manifestazioni previsti già da settembre, in attesa delle soluzioni definitive dovranno essere predisposte nelle zone che richiedono maggiore attenzione protezioni temporanee, che purtroppo non saranno esteticamente adeguate. Stiamo lavorando affinché nel più breve tempo possibile possano essere sostituite ma, in questo momento, riteniamo che sia prioritario essere previdenti e privilegiare, tra gusto estetico e protezione, quest’ultima”.

Se da una parte questi rafforzamenti alla sicurezza della città sembrano essere stati apprezzati da residenti e passanti, dall'altra c'è anche chi, però, ha qualche dubbio. Tra i commercianti sono infatti spuntati i primi interrogativi, riguardo soprattutto la consegna delle merci che potrebbe diventare più difficoltosa, mentre i Vigili del fuoco nel pomeriggio si recheranno in centro con alcuni mezzi di soccorso per capire se effettivamente ci potrebbero essere problemi di passaggio in caso di emergenza. Nel frattempo iniziano ad arrivare i primi messaggi di soddisfazione da parte dei politici, anche da quelli di opposizione. "Sicuramente non può essere questa la soluzione a un eventuale attacco terroristico che può avvenire in mille modalità, ma rispetto agli ultimi attentati avvenuti in Europa, con la modalità sempre identica di utilizzare le vie ad alta frequentazione come rampa di lancio di mezzi da scagliare sulla folla, può essere un ottimo deterrente e aumenta la sicurezza di Ravennati e turisti - commenta Mauro Bertolino di Forza Italia - Ci congratuliamo con l’amministrazione per questi interventi rivolti alla sicurezza e sottolineamo che ascoltare anche le forze politiche di opposizione che applicano una politica rivolta al bene comune del territorio può portare grande giovamento alla città".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barriere anti-terrorismo in centro tra soddisfazione e qualche dubbio

RavennaToday è in caricamento