Barriere architettoniche: "Promesse da marinaio: ci rivolgeremo alla magistratura"

A parlare è la capogruppo in consiglio della lista La Pigna, Veronica Verlicchi, che torna sul tema delle barriere architettoniche presenti a Ravenna

"Sulle barriere architettoniche, da de Pascale solo promesse da marinaio". A parlare è la capogruppo in consiglio della lista La Pigna, Veronica Verlicchi, che torna sul tema delle barriere architettoniche presenti a Ravenna. "Era il 1986 quando fu varata la legge che imponeva anche ai Comuni di provvedere all’abbattimento delle barriere architettoniche presenti in tutte le aree di competenza comunali con contestuale adozione del Piano per l’abbattimento delle barriere architettoniche (Peba) entro 12 mesi. Pena il commissariamento del Comune. Sono passati 33 anni da allora e il Comune di Ravenna non ha ancora mosso un dito in questo senso, mentre su tutto il nostro territorio le barriere architettoniche si sono addirittura moltiplicate".

"La totale indifferenza di questa Giunta verso la problematica é quotidianamente dimostrata - prosegue la consigliera d'opposizione - L’ultimo esempio, in ordine di tempo, è l’intervento che il Comune sta eseguendo in viale delle Mimose a Marina Romea “per la messa in sicurezza di strade e marciapiedi”. Succede, infatti, che nell’opera di bonifica della sede stradale e dei marciapiedi dall’apparato radicale dei pini sia previsto il rifacimento degli stessi nella stessa modalità del preesistente. Leggasi: senza gli scivoli, obbligatori per legge. Così recita la documentazione tecnica relativa al progetto e così testimoniano le foto che ci sono state inviate da alcuni residenti. Il tutto in barba non solo alla normativa vigente, ma anche e sopratutto alle esigenze delle persone diversamente abili o a mobilità ridotta. Quando qualche mese fa il Consiglio comunale di Ravenna bocciò la nostra richiesta di adempimento agli obblighi della legge 41 con la conseguente elaborazione del Piano per l’abbattimento delle barriere architettoniche, con il voto contrario della maggioranza a guida Pd, ci affrettammo a inviare una diffida al Presidente della Regione Bonaccini e al Sindaco de Pascale. Nessuno dei due soggetti si è mai degnato di rispondere. Ora, a fronte di questa perseverante latitanza da parte di de Pascale e di Bonaccini, non rimane altro che rivolgerci direttamente alla magistratura, nella speranza che i ravennati e i turisti con esigenze speciali possano fruire degli immobili e delle aree comunali in totale libertà e autonomia, nel rispetto della dignità dei singoli".

8b8904d1-9728-4afb-a40f-085d55b622a2-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico frontale sull'Adriatica, un morto e due feriti gravi

  • Precipita per oltre cento metri dal sentiero di guerra del Pasubio: muore medico in pensione

  • Spaventoso incidente stradale, coinvolte quattro auto: una donna in condizioni gravissime

  • Strage familiare a Foggia, il terzo figlio lavora a Ravenna: "Erano sereni"

  • Rubava nel supermercato dove lavora: dipendente infedele nella rete dei Carabinieri

  • Ennesimo scontro tra auto al solito incrocio di Fiumazzo. Anziano trasportato con l'elimedica al Bufalini

Torna su
RavennaToday è in caricamento