menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bassa Romagna in lutto: addio al giornalista Arrigo Antonellini

Il funerale si svolgerà lunedì alle 11 alla chiesa di San Gabriele a Lugo

Sindaci e i giornalisti degli Uffici Stampa dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna esprimono il proprio cordoglio per la scomparsa di Arrigo Antonellini. Nato a Lugo il 6 settembre del 1949, ha lavorato dal 1977 al 2009 nel settore studi e programmazione territoriale della Provincia di Ravenna, settore del quale dal 1989 è stato dirigente fino alla pensione. Figura perno delle Acli della provincia di Ravenna, da sempre impegnato nel sociale e appassionato di informazione, è stato fondatore e direttore per 14 anni della testata online PavaglioneLugo.net. È deceduto venerdì dopo una breve malattia. Aveva 71 anni, lascia la moglie e due figli.

Lo piange anche il Circolo Schermistico Lughese: "Arrigo era nostro socio storico e figlio di Achille, fondatore e primo presidente della Società, al quale è intitolata la nostra sala. Arrigo ha sempre seguito con partecipazione e interesse le vicende della nostra Società, dopo aver praticato la scherma in gioventù, in quella generazione che ha espresso anche i nostri Maestri Fulvio Barcucci e Guido Marzari. Tutta la comunità della scherma lughese è vicina alla famiglia di Arrigo in questo momento di dolore". Il funerale si svolgerà lunedì alle 11 alla chiesa di San Gabriele a Lugo.

Gianfranco Spadoni, vice presidente di Lista per Ravenna, lo ricorda come un "omo con spiccata dedizione per l’associazionismo e il volontariato, storico Aclista pieno di idee e di iniziative, valido dirigente della Provincia di Ravenna, ma ancor prima di tutto questo, ottima persona nei modi, nell’ approccio con il suo prossimo senza fare distinzioni  fra tutte le posizioni politiche-partitiche rispetto alle quali aveva un grande rispetto. All’interno dell’Amministrazione provinciale si occupava del territorio e non lesinava consigli e suggerimenti a chiunque rappresentasse gli eletti. Questo era il suo senso di democrazia e di vera apertura e piena disponibilità verso il prossimo".

"Quante chiacchierate abbiamo fatto nel suo ufficio, quanti consigli e suggerimenti rispetto alle pratiche e alle delibere in discussione consigliare: il suo era un modo di fare aperto, sempre propositivo e ottimista. Non posso anche non ricordare alcuni incontri promossi dalle Acli in cui mi ha coinvolto ben sapendo che forse non ero perfettamente allineato con il suo pensiero, ma a lui interessava la discussione, il confronto, l’approfondimento degli argomenti; così pure mi chiedeva sempre alcuni pezzi da pubblicare nei suoi giornali di cui si occupava con un impegno davvero ammirevole - prosegue -. Resta un grande ricordo di storico militante delle Acli, dirigente della Provincia, giornalista, impegnato nel volontariato e nell’associazionismo, ma soprattutto, come si dice spesso qui in Romagna, era davvero un “galantuomo”. Alla famiglia le più sentite condoglianze unite ad una preghiera rivolta ad una brava persona".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento