Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca Lugo

Bassa Romagna, l'Unione dà nuova vita alle scarpe da ginnastiche usate

Nella prima fase (inverno 2017/18) vengono realizzati materiali informativi in formato digitale e una capillare opera di sensibilizzazione rivolta a scuole, società sportive, quartieri

I Comuni e il Ceas dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna aderiscono alla settimana europea per la riduzione rifiuti (18-26 novembre 2017), con il progetto “Le tue scarpe al Centro!”, lanciato congiuntamente da Arpae Emilia-Romagna e dai Centri di educazione alla sostenibilità di tutta la regione, assieme ai gestori dei rifiuti. Il progetto prende il via in questi giorni e non casualmente si colloca nella settimana europea rifiuti che quest'anno ha come tema “la seconda vita degli oggetti”.

Si articola in due fasi: nella prima (inverno 2017/18) vengono realizzati materiali informativi in formato digitale e una capillare opera di sensibilizzazione rivolta a scuole, società sportive, quartieri. Saranno in tal senso utilizzate apposite metodologie e strumenti comunicativi (marketing sociale, social media), educativi (learning by doing, ovvero apprendimento attivo), e partecipativi (e-democracy, social media, flash mob). Nella seconda fase (primavera 2018) ragazzi, cittadini, sportivi saranno protagonisti, partecipando a decine di eventi nelle città nei quali porteranno le loro scarpe da ginnastica usurate. Queste ultime saranno poi concentrate grazie ai gestori dei rifiuti e appositamente trattate per diventare un granulato di morbida gomma e quindi dei tappetini utili ad allestire le aree giochi dei bambini nei parchi pubblici.

“Il progetto fa toccare con mano ai cittadini cos'è l'economia circolare e il ruolo attivo che possono svolgere i consumatori (prosumer) in collaborazione con imprese e municipalità - ha sottolineato il sindaco Paola Pula, referente per l’Ambiente dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna -. Una azione motivante che accresce l'empowerment delle comunità locali e stimola lo sviluppo di nuovi processi produttivi circolari che danno nuova vita alla materia”. Il progetto mobilita complessivamente 14 Ceas dell'intero territorio regionale (capofila è il Ceas “La Raganella” dell’Unione dei Comuni area nord Modena) che afferiscono a 48 Comuni e a 7 gestori dei rifiuti (Iren, Aimag, Geovest, Sabar, Hera, Clara, Soelia).

I risultati prodotti saranno rendicontati puntualmente: numero di scarpe raccolte, e quindi quanto granulato prodotto con la frammentazione e trattamento dei materiali; numero di cittadini e stakeholder che contribuiranno attivamente in ciascun territorio; visualizzazioni sui portali web e sui canali social nonchè l'impatto sui media locali. Infine, il progetto vuole essere benefico oltre che virtuoso: si propone infatti di donare quanto realizzato (il granulato e i tappetini morbidi) a uno o più Comuni interessati dal sisma in centro Italia per l'allestimento delle loro aree giochi.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bassa Romagna, l'Unione dà nuova vita alle scarpe da ginnastiche usate

RavennaToday è in caricamento