Benzoni (LpR): "Ma dove vai se la banda larga non ce l'hai..."

Quante verità dalle parole dei cittadini che sempre più numerosi inviano segnalazioni lamentando la mancanza dell’adsl al forese; anche imprese di rilievo che pur resistendo alle avversità della crisi economica

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

Quante verità dalle parole dei cittadini che sempre più numerosi inviano segnalazioni lamentando la mancanza dell’adsl al forese; anche imprese di rilievo che pur resistendo alle avversità della crisi economica e di mercato sono ulteriormente penalizzati dal fatto di avere la sede nel forese, dove l’amministrazione comunale non ha compiutamente adempiuto alle ripetute promesse di realizzazione dell’adsl.
Si puntualizza che l’adsl oggi è uno strumento di lavoro essenziale, fondamentale, alla portata di tutti, e la sua mancanza può realmente contribuire a mancate produttività.

Non è la prima volta che sollecito l’amministrazione alla realizzazione della banda larga anche al forese, (vedi su www.innovazionepa.gov.it rassegna stampa di Marzo 2011), e oggi, con questo comunicato, voglio rimarcare la segnalazione, evidenziando altresì che la mancanza dell’adsl crea significativi e importanti problemi alle imprese, le quali non possono confidare nell’utilizzo della rete per spedire, ricevere ordini da clienti e fornitori e altro.
Eppure imprese e cittadini del forese devono applicarsi nella individuazione di sistemi di connessione alternativi, i quali tuttavia non riescono ad offrire un servizio qualitativamente equivalente a quello offerto dalla banda larga.

Si può allora ritenere che l’assenza dell’Adsl possa produrre un danno all’economia e alla produttività delle imprese, ai cittadini impossibilitati a dialogare con le Pubbliche Amministrazioni, ad acquisire certificazioni on line, ad avvalersi dei servizi offerti dalla PEC (Posta Elettronica Certificata) per richiedere informazioni, inviare istanze e documentazioni, ricevere documenti e comunicazioni senza doversi recare fisicamente negli uffici della Pubblica Amministrazione.
Alla luce di quanto sopra appare evidente come il servizio internet a banda larga, quale sistema comunicativo che accorcia le distanze, sarebbe stato più utile distribuirlo capillarmente prima al forese o quantomeno avrebbe dovuto avere uno sviluppo in città equivalente a quello del forese.

Allo stato attuale, non ci rimane altro che invitare nuovamente l’Amministrazione ad attivarsi con estrema sollecitudine alla distribuzione di una rete Adsl in tutto il territorio del forese per evitare che i disagi e i danni lamentati dai cittadini e imprese non vengano protratti ad oltranza.
 

Torna su
RavennaToday è in caricamento