rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Cronaca

La manovra del Comune per il 2023: addizionale Irpef al massimo e altri rincari. Il sindaco: "Necessario per l'equilibrio dei conti"

Il sindaco: "Nonostante il grande impegno per rimodulare la spesa, abbiamo dovuto compensare la minore disponibilità di risorse anche agendo sulle leve fiscali ancora disponibili, per garantire l’equilibrio della manovra e la continuità dei servizi"

Il Comune di Ravenna vara un aumento delle tasse comunali con il nuovo bilancio 2023.  La manovra è stata adottata martedì dalla giunta e nei prossimi giorni sarà esaminata dalle parti sociali, dai consigli territoriali e dalla commissione consiliare competente, fino alla discussione e all’approvazione finale da parte del consiglio comunale, prevista per fine marzo. Se sarà approvata dal Consiglio comunale sulla parte entrate è stato deciso un aumento dell’Imu sui capannoni di categoria D passando dall’attuale imposizione fissata al 1% all’1,06% (+ 0,06%);  sui terreni agricoli non affittati passando dall’attuale imposizione fissata al 1% all’ 1,06% (+ 0,06%); sui fabbricati rurali strumentali dallo 0 allo 0,1 %. Previsto anche  un aumento della tariffa per l’occupazione del suolo pubblico del 20% annuo (non viene toccata dal 2007). Arriva anche una stangata Irpef: viene deciso un aumento dell’Addizionale Irpef nella misura del massimo Consentito ai comuni ovvero dello 0,80%, con un'esenzione per i redditi più bassi fino a 13.000 euro annui e e un fondo di sostegno per i redditi Isee fino ai 15.000 euro.

"La misura così pensata determinerà un aumento dell’addizionale soprattutto per i redditi più alti, perché per quelli più bassi opererà l’esenzione con l’effetto per detti redditi di un mancato prelievo che in passato invece subivano e laddove non possano usufruire dell’esenzione potranno accedere al fondo di sostegno con una dichiarazione Isee fino ai 15.000 euro. Per la natura stessa del tributo la previsione va contemplata nel bilancio 2023 ma l’effettivo pagamento da parte dei cittadini avverrà nel 2024, come pure nello stesso anno potrà essere richiesto il sostegno per chi ha redditi Isee fino ai 15.000 euro. Il fondo per tale sostegno viene previsto per le annualità 2024 e 2025 nella misura di 500.000 euro, ma con impegno a verificarne l’efficacia e conseguentemente ad adottare le misure necessarie per un eventuale aumento", spiega una nota del Comune.

Il bilancio di parte corrente quota complessivamente 217,313 milioni di euro. Il bilancio di previsione 2023/2025 è costruito per fronteggiare una spesa corrente in aumento per le seguenti voci: costi dell’energia e dei materiali e dei servizi aumentati a causa dell’inflazione; costi della spesa per il welfare in particolare per il diritto allo studio per garantire appoggio scolastico (dai 3,8 milioni dello scorso anno si passa ai 4,5 per quest’anno); costi del rinnovo del contratto non solo del pubblico impiego ma anche della cooperazione sociale, che ha in appalto alcuni servizi comunali, per cui anche l’esternalizzazione dei servizi costa di più rispetto al passato; aumento del costo per interessi sui mutui contratti; una riduzione del 50 per cento dell’avanzo di amministrazione rispetto a quello registrato lo scorso anno; un aumento considerevole del Fondo crediti di dubbia esigibilità per effetto di difficoltà di riscossione.

Piano investimenti

La spesa per investimenti per il 2023 è prevista in 116.708.323 euro, di cui quasi 51,5 per la viabilità e la pubblica illuminazione, quasi 29,5 per l’edilizia scolastica, 1,7 per l’edilizia sportiva, 3,4 per il patrimonio storico/culturale, 8,7 per interventi a rilevanza sociale, oltre 6,5 per la tutela dell’ambiente e del territorio e il verde urbano.

Tra i tanti interventi si segnalano, solo per fare alcuni esempi: la realizzazione della Ciclovia adriatica (8 milioni), la nuova passerella ciclopedonale di collegamento tra Lido di Classe e Lido di Savio (3,3 milioni), la pista ciclopedonale a Lido Adriano (1,84 milioni), la pista ciclopedonale tra Classe e Fosso Ghiaia (1,5 milioni), il secondo stralcio della pista ciclopedonale tra Ponte Nuovo e Madonna dell’Albero (660mila euro), le due ciclabili a Punta Marina (1,85 milioni); lavori di efficientamento energetico della pubblica illuminazione al fine di ridurre i consumi (5 milioni) e interventi di efficientamento energetico dei fabbricati; il rinnovo del parco autobus per circa 13 milioni; interventi di messa in sicurezza dei ponti e delle strade.

Per l’edilizia scolastica si ricordano il nuovo asilo nido di via Canalazzo (2,4 milioni), il nuovo nido Pavirani (2,8 milioni) e il nuovo nido di via della Fontana (3,2 milioni); le due nuove mense per l’istituto comprensivo di Mezzano e per il plesso scolastico Camerani; la nuova primaria di Ponte Nuovo (9,1 milioni); la nuova palestra per la scuola primaria di Porto Corsini (2,7 milioni); il miglioramento sismico della scuola media Guido Novello (1,15 milioni); l’adeguamento sismico dell’ala Callegari nella scuola secondaria di primo grado Montanari (2 milioni).

Diversi anche gli interventi di tutela ambientale del territorio finanziati con risorse del Pnrr: “cammini siti Unesco e strutture museali”, Ca’ Aie, museo delle Pinete e museo NatuRa di Sant’Alberto, percorsi natura e potenziamento di siti naturalistici nelle stazioni ravennati del Parco del Delta del Po, della stazione Pineta di San Vitale e piallasse Ravenna.

Per quanto riguarda il patrimonio storico e culturale, si citano gli interventi di miglioramento dell’accessibilità di Mar e Classense. Tra gli interventi a rilevanza sociale, il programma integrato di edilizia residenziale sociale San Biagio nord e il recupero di alloggi per edilizia sociale a Sant’Alberto. Tra gli impianti sportivi si segnala la manutenzione straordinaria di diversi impianti comunali e la nuova copertura della piastra polivalente del centro sportivo comunale di San Zaccaria.

Il sindaco 

“In questo bilancio – dichiara il sindaco Michele de Pascale – nonostante il grande impegno per rimodulare la spesa, abbiamo dovuto compensare la minore disponibilità di risorse anche agendo sulle leve fiscali ancora disponibili, per garantire l’equilibrio della manovra, la continuità dei servizi educativi, sociali, culturali e ambientali, e mantenere le risorse per le attività di promozione e sostegno all’occupazione e allo sviluppo economico. È una scelta che abbiamo ovviamente cercato di evitare in ogni modo, sia operando tagli e risparmi che chiedendo maggiore attenzione al Governo sui bilanci degli enti locali. Purtroppo l’incremento delle spese per fattori indipendenti dalla nostra volontà, come rinnovi contrattuali, inflazione e spese energetiche, o per scelte politiche, come il sostegno scolastico per gli studenti certificati, uniti alla fine della rateizzazione dell’Imu sulle piattaforme hanno reso questa scelta ineludibile, se non si vogliono sbilanciare gravemente i costi del Comune o pregiudicare gli investimenti del Pnrr. Ora il bilancio previsionale 2023 costituisce una solida base di partenza nelle politiche di questa legislatura e con l’assestamento di luglio saremo in grado di affrontare alcune eventuali problematiche che si potessero sviluppare ulteriormente. Ma i conti pubblici sono in sicurezza - conclude il sindaco - così come la qualità dei servizi e il rilancio degli investimenti che, con previsioni di spesa per oltre 116 milioni di euro dal centro al forese ai lidi, sarà uno dei principali motori della ripresa economica del nostro territorio, anche grazie ai tanti progetti che abbiamo candidato con successo ai bandi del Pnrr”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La manovra del Comune per il 2023: addizionale Irpef al massimo e altri rincari. Il sindaco: "Necessario per l'equilibrio dei conti"

RavennaToday è in caricamento