rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca

Arriva il 'Bonus benzina' da 200 euro: come si ottiene e a chi spetta

Tra le misure del Governo c'è anche il Bonus benzina, che prevede la concessione di massimo 200 euro di buoni esentasse per tutto il 2022

A seguito del rincaro del carburante, si sente spesso parlare di bonus benzina: ma cosa è? E a chi spetta? Il Governo ha varato un Decreto Energia e tra le diverse misure ci sono azioni per far fronte al rincaro dei carburanti, che sta sfiorando le stelle: prezzi spesso insostenibili per imprese e famiglie. Anche se ora qualche miglioramento dovremmo riuscire a vederlo, dopo il taglio delle accise approvato dal Consiglio del Ministri.

Caro benzina, i consigli per risparmiare sul pieno

Tra le misure del Governo c'è anche il Bonus benzina, che prevede la concessione di massimo 200 euro di buoni esentasse per tutto il 2022; o meglio, si tratta della concessione di “un importo fino a 200 euro di buoni benzina esentasse per il 2022. Sostanzialmente, buoni benzina o analoghi titoli, ceduti a titolo gratuito da aziende private ai lavoratori dipendenti per l’acquisto di carburanti, nel limite di 200 euro per lavoratore". Non è da confondere con i bonus sociali per l'elettricità e il gas, che costituiscono uno sconto in bolletta per agevolare i nuclei familiari in condizioni di disagio economico o fisico.

A chi spetta il bonus benzina e come richiederlo?

Spetta ai lavoratori dipendenti di aziende private. Non è prevista la presentazione di alcuna domanda. Questi buoni dovrebbero costituire una sorta di benefit aziendale e, in quanto tale, sarà l'azienda a decidere se corrisponderli ai propri dipendenti o meno. I lavoratori potranno quindi esprimere il proprio interesse in merito, ma non è detto che la richiesta verrà sempre accolta. In ogni caso, i dettagli verranno verosimilmente definiti nell'ambito di accordi tra sindacati e imprese.

C'è un limite Isee per il bonus benzina?

No, non c'è nessun tetto al reddito per poter accedere a questo benefit. Contrariamente ad altri bonus, quello per il carburante non è riservato solo a chi ha l'Isee (indicatore della situazione economica equivalente) inferiore a una certa soglia definita dalla legge. In linea teorica, quindi, possono riceverlo tutti e beneficiare di uno sconto quando si va a fare il pieno al distributore. L'unico limite finora anticipato dalla norma è che la misura è destinata ai lavoratori dipendenti di aziende private. A onor del vero, già era previsto che le aziende potessero concedere un contributo fino a 258,23 euro annui per i cosiddetti "fringe benefit" (benefici accessori), ovvero buoni acquisto, buoni carburante o buoni spesa. Nel 2020 e 2021, durante la pandemia, come misura di sostegno economico l'importo è stato raddoppiato a 516,46 euro.

Il bonus carburante concorre alla formazione del reddito?

No. Nel decreto legge del governo si specifica: "Per l'anno 2022, l'importo del valore di buoni benzina o analoghi titoli ceduti a titolo gratuito da aziende private ai lavoratori dipendenti per l'acquisto di carburanti, nel limite di euro 200 per lavoratore, non concorre alla formazione del reddito". Il bonus benzina, quindi, è esente da tasse.

Quanti soldi ha messo a disposizione il governo per questa agevolazione?

"Gli oneri derivanti dal presente articolo sono valutati in 9,9 milioni di euro per l'anno 2022 e 0,9 milioni di euro per l'anno 2023", si legge nel decreto del governo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arriva il 'Bonus benzina' da 200 euro: come si ottiene e a chi spetta

RavennaToday è in caricamento