menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Bookshop chiusi e dipendenti licenziati: che figura ci facciamo?"

Dopo le decisioni di Tar e Avvocatura riguardo al futuro dei bookshop e delle biglietterie di musei e monumenti di Ravenna, in città si è creata una situazione anomala

Dopo le decisioni di Tar e Avvocatura riguardo al futuro dei bookshop e delle biglietterie dei monumenti di Ravenna, in città si è creata una situazione anomala. "Da domenica scorsa, i bookshop sono chiusi e i dipendenti licenziati. Il primo novembre (data in cui dovrebbe subentrare nella gestione RavennAntica, ndr) è ancora lontano: e nel frattempo? - commenta in una nota Confcommercio - Mancano tre mesi e mezzo al subentro a Novamusa nella gestione di tre importanti monumenti ravennati, Sant’Apollinare in Classe, Mausoleo di Teodorico e Museo Nazionale, ma nubi scure si addensano sulla vicenda che lascia perplessi e amareggiati. Lo saranno di certo i turisti che visitano questi monumenti in questi giorni e che si trovano davanti a una situazione che nulla ha a che vedere con un servizio di accoglienza adeguato a una città turistica come Ravenna. Per di più, come nel caso del Museo Nazionale, oltre alla mancanza di servizi essenziali e basilari, il turista deve fare i conti con la riduzione notevole dell’orario di apertura del complesso che prosegue già da due mesi. Come Confcommercio Ravenna ribadiamo che, ora più che mai, è necessaria una soluzione rapida ed efficace su questa vicenda, al di là delle carte bollate e dei ricorsi. Continuare così, ancora per tre mesi e mezzo è inaccettabile".

"Bookshop chiusi, custodi sostituiti da macchinette, dipendenti licenziati - continua l'associazione di categoria -. Sono solo gli ultimi effetti di una situazione incresciosa, che si protrae dal 2 giugno e che all’orizzonte non lascia intravedere un definitivo e chiaro superamento della problematica che, settimana dopo settimana, sta diventando sempre più difficile. Dal 2 giugno manca il servizio di accoglienza per il turista; non si possono effettuare i pagamenti con bancomat, carte di credito e sfruttare il bonus cultura; non vengono emessi i biglietti cumulativi, scontrini fiscali e fatture in loco; non si possono acquistare le Romagna Visit Card. Se la situazione non si blocca rapidamente, rischiamo di arrivare a settembre, quindi a stagione estiva chiusa, senza la prospettiva di poter fornire ai turisti un servizio dignitoso nel 2018. L’auspicio è che venga data immediata attuazione all’accordo che prevede la gestione dei servizi al pubblico dei luoghi della cultura statali di Ravenna da parte di RavennAntica. Solo così è possibile superare il blackout dei servizi turistici in tre importanti siti culturali visitati da migliaia di turisti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento