Domenica, 21 Luglio 2024
Cronaca Brisighella

'Brisighella Heart Study', da 50 anni i brisighellesi oggetto di studio delle malattie cardiovascolari

Da oltre cinquant'anni la popolazione del Comune di Brisighella è oggetto di studio clinico-epidemiologico per i fattori di rischio per le malattie cardiovascolari e dismetaboliche, oggi universalmente noto al mondo scientifico e accademico col nome di Brisighella Heart study

Un gruppo di ricerca guidato da studiosi dell'Università di Bologna e dell'Irccs Policlinico di Sant'Orsola ha realizzato uno studio - pubblicato sulla rivista Biomedicines - per capire quali caratteristiche della Lipoproteina (a) si associano in modo più marcato all'invecchiamento vascolare, condizione predittrice delle malattie cardiovascolari, rilevando come a diversi sottotipi di Lipoproteina (a) possono corrispondere diversi livelli di rischio.

Il 24 marzo, promossa dalla Family Heart Foundation, si "celebra" in tutto il mondo la giornata mondiale della consapevolezza sulla Lipoproteina (a) come fattore di rischio cardiovascolare: la Lipoproteina (a) è una macromolecola responsabile del trasporto del colesterolo nel sangue. È noto che suoi alti livelli nel sangue siano un fattore di rischio indipendente per le malattie cardiovascolari, e valori elevati sono molto frequenti: interessano circa un soggetto adulto su cinque. Non tutti i soggetti che presentano valori elevati di Lipoproteina (a) sembrano però avere gli stessi livelli di rischio.

“Sappiamo che i livelli di Lipoproteina (a) sono predittori indipendenti di mortalità legata a malattie cardiovascolari a lungo termine - spiega Arrigo Cicero, professore presso il Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche dell’Università di Bologna e primo autore dello studio - L’obiettivo del nostro studio era allora capire se le concentrazioni nel siero di Lipoproteina (a) possano essere predittrici anche dell’invecchiamento vascolare, che a sua volta è un predittore indipendente dell’insorgere di malattie cardiovascolari”.

In particolare, gli studiosi hanno analizzato la correlazione fra la dimensione dell'apolipoproteina (a) - il principale componente della Lipoproteina (a) - con un marcatore non invasivo dell’invecchiamento vascolare: la velocità dell'onda di polso carotideo-femorale. Partendo dalla coorte storica del Brisighella Heart Study, coordinato da Claudio Borghi - professore al Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche dell'Università di Bologna e coautore dello studio - il gruppo di ricerca ha quindi individuato e analizzato le caratteristiche di due sottogruppi: 511 soggetti con apolipoproteina (a) di dimensioni più piccole e 467 soggetti con apolipoproteina (a) di dimensioni più grandi.

“I risultati della nostra analisi mostrano che le concentrazioni nel siero di Lipoproteina (a) sono in grado di predirre in maniera significativa l’invecchiamento vascolare solo negli individui con apolipoproteina (a) di dimensioni più grandi, mentre questa caratteristica predittiva non è presente negli individui con apolipoproteina (a) di dimensioni più piccole e nella popolazione generale - spiega ancora Cicero - Si tratta di un risultato che potrà rivelarsi particolarmente importante in un prossimo futuro, quando saranno disponibili farmaci finalmente in grado di ridurre questo ulteriore fattore di rischio cardiovascolare”.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Biomedicines con il titolo “Lipoprotein(a) Serum Levels Predict Pulse Wave Velocity in Subjects in Primary Prevention for Cardiovascular Disease with Large Apo(a) Isoforms: Data from the Brisighella Heart Study”. Per l'Università di Bologna e l'Irccs Policlinico di Sant'Orsola hanno partecipato Arrigo Cicero, Federica Fogacci, Elisabetta Rizzoli, Sergio D’Addato e Claudio Borghi, insieme a Fulvio Ventura dell'Irccs Policlinico di Sant'Orsola, oltre a tutto lo staff del Brisighella Heart Study, e Giuseppe Derosa e Angela D’Angelo dell’Università di Pavia.

Brisighella Heart Study 1972 vede legati da un rapporto di collaborazione proficua la Facoltà di Medicina dell'Università di Bologna e il Comune di Brisighella. Da oltre cinquant'anni, infatti, la popolazione del Comune di Brisighella è oggetto di studio clinico-epidemiologico per i fattori di rischio per le malattie cardiovascolari e dismetaboliche (diabete, ipercolesterolemia, iperuricemia ecc.), oggi universalmente noto al mondo scientifico ed accademico col nome di Brisighella Heart study.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Brisighella Heart Study', da 50 anni i brisighellesi oggetto di studio delle malattie cardiovascolari
RavennaToday è in caricamento