menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terrorizzava i compagni di classe e si accaniva sulle ragazze: bullo scoperto dagli agenti

La vicenda è emersa dopo un'accurata indagine della Polizia locale faentina, il cui intervento era stato richiesto dagli insegnanti dell’istituto al seguito di un furto verificatosi in una classe

Ancora un caso di bullismo, questa volta in una scuola di Faenza, scoperto dalla Polizia locale. La vicenda si è svolta in un istituto superiore della città, dove i ragazzi di una prima si sono trovati a fare i conti con un giovane, di un anno più grande, proveniente da un altro istituto, che sarebbe riuscito, con minacce e modi violenti, a terrorizzare l’intera classe.

La vicenda è emersa dopo un'accurata indagine della Polizia locale faentina, il cui intervento era stato richiesto dagli insegnanti dell’istituto al seguito di un furto verificatosi in una classe. Indagando sulla vicenda, gli investigatori hanno non solo individuato il presunto autore del furto, ma scoperto che all’interno di quella classe  il 16enne aveva instaurato un clima di vero e proprio terrore, fatto di vessazioni e prevaricazioni nei confronti dei compagni. Le vittime di questi comportamenti erano soprattutto le ragazze.

Al termine dell’indagine la Polizia locale ha provveduto a inviare un dettagliato rapporto alla Procura della Repubblica dei Minori di Bologna che ha ritenuto, visto la consistenza degli elementi probatori raccolti dai vigili faentini, di iscrivere il ragazzo nel registro degli indagati con ipotesi di reato molti gravi, facendogli notificare immediatamente l'avviso di garanzia. L'istituto coinvolto, non appena ha capito quale fosse la gravità della situazione, ha provveduto subito a sospendere il ragazzo. 

Il fenomeno del bullismo nelle scuole, spiegano dalla Polizia locale manfreda, è purtroppo in crescita continua su tutto il territorio nazionale, ed è importante spiegare ai ragazzi di non nascondersi, di avere subito la forza di parlare con i propri genitori e di rivolgersi senza indugio alle forze dell’ordine qualora si fosse vittima di queste azioni. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Salute

Cos'è e come si misura l'Indice di Massa Corporea?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento