menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cambiamenti climatici, Legambiente: "Crisi sottovalutata, solo buoni propositi"

In occasione dell'incontro dedicato ai cambiamenti climatici e ambientali con il climatologo Luca Mercalli, Legambiente ha inviato una lettera aperta al divulgatore scientifico

In occasione dell'incontro dedicato ai cambiamenti climatici e ambientali in programma per giovedì 24 gennaio con Luca Mercalli, climatologo e presidente della Società meteorologica italiana, il circolo Legambiente A.Cederna di Ravenna ha inviato una lettera aperta al divulgatore scientifico.

"La Bassa Romagna è una terra con oltre 100.000 residenti, a prevalente vocazione agricola, risultato di ciclopiche opere di bonifica nei secoli passati. Territorio fragile, fiumi pensili, esposto alla fisiologica subsidenza naturale caratteristica dei sedimenti alluvionali, aggravata ai tempi del boom economico dalle estrazioni di gas metano e dagli emungimenti di acqua - si legge nella lettera degli ambientalisti - Quando tutto sembrava portare a una tregua, le nuove tecniche di indagine hanno riaperto la caccia grossa al gas metano. Dalla costa all'interno fino alla Bassa Romagna, con innumerevoli richieste di nuove ricerche e perforazioni. Sembra un auto avvitamento senza via d'uscita, con il rischio che un aggravamento del fenomeno della subsidenza dovuto alle attività umane obblighi a una ricalibratura della rete scolante, con costi a carico della collettività. Nel nostro territorio, come in molte altre parti d'Italia, viviamo uno strano dualismo, per cui si spendono molte parole per lo sviluppo sostenibile, la lotta ai cambiamenti climatici e al dissesto idrogeologico, ma cosa si fa poi nel concreto? Cinque anni fa l'Unione dei Comuni ha adottato un ottimo piano energetico, di cui però non si vedono effetti concreti: le energie rinnovabili sono ferme al “boom” del fotovoltaico di una decina di anni fa, quando furono realizzati grandi impianti anche in forza dei notevoli incentivi, ma da allora si è mosso poco o nulla, così come sono rimasti quasi fermi al palo i piccoli impianti casalinghi, la produzione diffusa sul territorio e le ristrutturazioni necessarie ad avere edifici sempre meno “affamati” di energia. Stesso discorso per quanto riguarda la mobilità sostenibile, dove al di là delle dichiarazioni di principio ci troviamo con un modello di trasporto, e con un modello di città, ancora indissolubilmente legato all'auto privata, mentre il trasporto pubblico e la mobilità alternativa recitano il ruolo di cenerentola, anche per la mancanza di una vera integrazione di orari, percorsi e tariffe. In tutto ciò si pensa di risolvere il problema della qualità dell'aria limitandosi a chiudere una manciata di strade del centro storico alle auto più vecchie".

"Non va meglio per quanto riguarda il dissesto idrogeologico, in un territorio definito a rischio idraulico elevato e per il quale, da oltre 25 anni, è prevista la realizzazione di casse di espansione del fiume Senio che dovrebbero mettere in sostanziale sicurezza tutto il territorio a valle della via Emilia. Ogni anno si annuncia che a breve partiranno i lavori di ultimazione di questa opera idraulica fondamentale, salvo poi spostare ogni anno un po' più in là la data di completamento - continuano gli ambientalisti - Lei giustamente definisce quella dei cambiamenti climatici e ambientali una “crisi sottovalutata”, in primo luogo dalla classe politica e dalle categorie sociali ed economiche che dovrebbero guidare il cambiamento e che invece tentennano, fanno grandi dichiarazioni di principi a cui raramente seguono misure concrete. Sicuramente molti di loro saranno presenti a Bagnacavallo: ci auguriamo che la sua lezione serva a far loro capire che non si può più tergiversare. Noi, per quanto in nostro potere, cercheremo di darle un mano".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Salute

Cos'è e come si misura l'Indice di Massa Corporea?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento