rotate-mobile
Cronaca

"Cambio della guardia" sulla Tomba di Dante: telecamera sostituita con una nuova

Lunedì l'apparecchio appena installato ha lasciato posto a un nuovo sistema di ripresa più discreto del precedente, che evidenzierà eventuali reati e vandalismi commessi nella "zona del silenzio"

A tre settimane dall'installazione della telecamera sulla Tomba di Dante per conteggiare in maniera automatica il numero di visitatori - e dopo i dubbi e le critiche sollevati dalla consigliera di CambieRà Samantha Tardi che aveva ironicamente soprannominato la telecamera "occhio polifemico" - lunedì l'apparecchio appena installato ha lasciato posto a un nuovo sistema di ripresa più discreto del precedente che, oltre al conteggio dei turisti, evidenzierà eventuali reati e vandalismi commessi nella "zona del silenzio".

Puntualissimo è arrivato il commento pungente della consigliera Tardi: "Dunque, fatemi capire, prima andate a piazzare una vera e propria porcheria sulla facciata di un monumento e vi auto elogiate della genialata pensata per avere finalmente un dispositivo che permettesse di sapere quanta gente transiti nei pressi della Tomba di Dante (senza che nessuno abbia ancora spiegato come si possa distinguere il turista dal cittadino comune), sia per motivi meramente statistici che per motivi di sicurezza. Poi succede che qualcuno vi fa pubblicamente notare che, bene il dispositivo elettronico rispetto all'utilizzo umano del custode, ma meno bene l'aver piazzato questo aggeggio orribile sulla facciata del monumento, soprattutto in una città dove la Soprintendenza dei Beni Culturali è organo molto vigile e attento. E quindi cosa fate? Via via a rimuovere il "piercing" dalla "fronte" del Sommo Poeta, raffazzolando la scusa che quella di prima fosse "solo una prova". Sostituzione dell'apparecchio con qualcosa di più discreto. Un nuovo occhio elettronico meno "invadente", dicono, e già previsto. Quindi, ricapitolando: uno acquista una macchina fotografica, che ne so, Canon. La prova, la testa, la imposta secondo le sue esigenze; poi, una volta messa a punto, compra una Nikon. In tutto questo mi domando: chi paga i due dispositivi elettronici? Mi auguro sentitamente che quella di prova fosse stata messa a disposizione gratuitamente dall'azienda fornitrice, viceversa saremmo davvero al ridicolo".

telecamera-tomba-dante

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Cambio della guardia" sulla Tomba di Dante: telecamera sostituita con una nuova

RavennaToday è in caricamento